Napoli: confronto politico per il risanamento del mare di Licola

446

LicolaWeb-2Si è svolto oggi, martedì 26 Gennaio 2016 un serrato confronto tra una delegazione istituzionale del PD composta dal consigliere regionale Enza Amato, dal Capogruppo consiliare al Comune di Napoli Aniello Esposito, dall’Assessore all’Ambiente del Comune di Pozzuoli Franco Cammino  e l’Assessore alle infrastrutture Mario  Calabrese.

E’ stato un incontro utile e proficuo dopo l’approfondimento compiuto un mese fa rispetto alla problematiche della riduzione dell’impatto su Licola del carico inquinante proveniente dall’Alveo Camaldoli.

Si sono fatti dei passi in avanti per l’avvio delle opere relative al raccordo e al completamento dei lavori realizzati dall’ex commissariato al dissesto idrogeologico. Tra poche settimane è possibile l’indizione della gara.

C’è un comune impegno affinchè sia rapidamente approvata la delibera di Consiglio comunale che consentirà la rapida convocazione della conferenza di servizio per le approvare il progetto sulle opere fognarie,la rifunzionalizzazione e la pulizia della vasca Tirone.

Così come si solleciterà la rapida conclusione dell’iter per approvare il progetto e indire la gara per fogne e collettori di una parte importante di Chiaiano. L’Assessore del Comune di Pozzuoli Franco Cammino ha ribadito la necessità di velocizzare le opere per offrire una prospettiva di rinascita ad un territorio mortificato da anni di incuria ed ha apprezzato l’attenzione istituzionale da parte del Comune di Napoli.

“Emerge l’urgenza di un coordinamento serio e puntuale di area vasta sugli interventi per il disinquinamento e la sicurezza del territorio-ha dichiarato la Consigliera regionale del PD Enza Amato.Opere importanti possono partire e produrre significativi effetti di riduzione del rischio idrogeologico e dell’inquinamento.

E’ evidente che occorre un disegno organico di manutenzione del territorio e di gestione dei depuratori e delle reti fognarie che elimini sprechi e inefficienze e produca risultati significativi per fare del litorale flegreo un volano per lo sviluppo-ha concluso Enza Amato.

Share