Carnevale a Nola, la Pro Loco rispolvera le antiche tradizioni del periodo

La Mascherina 2015Sabato 6 e domenica 7 febbraio la festa più colorata del calendario è di scena a Nola, con gli appuntamenti per grandi e piccini promossi dalla Pro Loco Nola Città d’Arte in collaborazione con l’Assessorato ai Beni Culturali e all’Istruzione.

Come da tradizione, torna l’attesissima manifestazione della “Mascherina d’Argento”, la sfilata in maschera dedicata a bambini dai 0 ai 10 anni giunta alla diciottesima edizione. L’evento, durante il quale verrà assegnato un riconoscimento al travestimento più riuscito e vedrà premiati tutti i giovanissimi partecipanti, si terrà domenica 7 dalle ore 9,30 in Piazza Duomo. A questa grande festa prenderanno parte anche gruppi in rappresentanza delle scuole dell’obbligo locali.

Novità del Carnevale targato Pro Loco Nola sarà la “Festa di Fra’ Braciola” in programma sabato 6, quando presso la sede di Corso Tommaso Vitale 9 a partire dalle ore 18,30 ci sarà una rievocazione della maschera convenzionalmente associata al Carnevale nolano, l’ingordo Frate Braciola, impersonato dall’attore Ciro Ruoppo. Non solo, lo sketch sarà arricchito da una degustazione dei prodotti nostrani tipici del Carnevale: lasagne, braciole, migliacci, chiacchiere e sanguinacci. La manifestazione vedrà la preziosa partecipazione degli alunni dell’IPSAR Carmine Russo di Cicciano e della condotta Slow Food dell’Agro Nolano.

La Festa di Frate Braciola, oltre che un allegro momento di riscoperta delle nostre tradizioni, vuole essere anche occasione per stare vicino a chi ogni giorno si assicura il pasto con grandi difficoltà, così, reinterpretando la bella usanza napoletana del caffè sospeso, gli ospiti della Pro Loco avranno l’opportunità di regalare una porzione di lasagna o un menù di Carnevale completo.

A corredo delle tradizioni carnascialesche sarà inoltre riproposta da mercoledì 10 la cosiddetta “Quaravesema”, il pupazzo con le fattezze di una donna anziana e magra che il costume popolare associa al periodo di digiuni e privazioni che comincia all’indomani del Martedì Grasso per 40 giorni. La bambola, che verrà appesa fuori alla sede della Pro Loco, come gli esemplari diffusi in diverse parti del Sud Italia, porta conficcate in una patata le caratteristiche 7 penne di gallina, una per ogni domenica di Quaresima, che vengono strappate via di settimana in settimana fino all’arrivo della Santa Pasqua.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteLe domeniche di Funiculart, alla scoperta dell’archeologia vesuviana
SuccessivoHub ferroviario a Pompei, tavolo d’incontro: associazioni e giunta al lavoro per le proposte
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.