Sant’Antonio Abate: carabinieri contro il lavoro nero: chiuso un laboratorio

opificio (1)I Carabinieri della stazione di Sant’Antonio Abate e del Nucleo ispettorato del lavoro di Napoli hanno effettuato un servizio contro il lavoro nero e le violazioni della normativa per la sicurezza sui luoghi di lavoro.

Il titolare dell’ opificio tessile e stireria, un cittadino bengalese di 39 anni, è stato denunciato in stato di libertà.

Nella sua attività venivano impiegati ben 9 connazionali non in regola con le norme sul lavoro e sono state riscontrate 10 violazioni alle norme per la sicurezza.

L’attività è stata sospesa.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteSarri: “Dovevamo essere più sfrontati, abbiamo perso per un occasione”
SuccessivoControlli a Piazza Bellini: spunta “hashish rasta” nascosto tra i capelli
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.