Castellammare, giù i pini storici: al via l’abbattimento

397

scuolacicerone1

Il comune di Castellammare di Stabia, negli ultimi mesi, ha portato avanti alcuni lavori pubblici che in parte hanno notevolmente deluso le aspettative (basti pensare alla villa comunale).

Altri piccoli compiti, l’ente comunale li aveva assunti per quanto riguarda la manutenzione del verde, in particolare per la messa in sicurezza di alcuni pini che potevano creare disagi alla popolazione. Sia nella zona di Scanzano, sia nei pressi della scuola San Marco Evangelista al Cicerone, tutto si è svolto nei tempi stabiliti.

Il costo totale dell’intervento è pari a circa 16mila euro (13.416,58 per il primo, 2.519,25 per il secondo), e il buon esito dei lavori è stato verificato dagli stessi responsabili comunali che hanno potuto notare l’ottimo lavoro svolto sia dalla ditta proveniente da Melito (Na) che si è interessata per l’abbattimento del pino nella zona del Cicerone, sia di quella proveniente da Giugliano (Na) che invece ha ultimato il proprio compito nella zona di Scanzano. Entrambe la società, avendo portato a termine l’incarico entro i tempi stabiliti, sono libere da qualsiasi cauzione che il comune precedentemente aveva imposto loro.

Sono stati, quindi, risolti due problemi importanti e che potevano diventare pericolosi nella città stabiese ma ci sono altre zone che meriterebbero di essere sottoposte a dei lavori per renderle notevolmente più sicure. Le periferie sono completamente abbandonate a loro stesse e, infatti, la situazione di degrado riguarda anche il verde pubblico. Piazzette e strade sporche, con erba alta e ricca di insetti fastidiosi, alberi con rami pericolanti a ridosso della abitazioni, e tante altre problematiche. Per il nuovo sindaco che si insidierà nel mese di giugno ci sarà molto da lavorare per poter rendere la città molto più vivibile e sicuramente molto più pulita.

Gennaro Esposito

Share