Caivano, presentato il libro “Io nella terra dei fuochi” di Angelo Iannelli

236

rai3


Potremmo definirlo un Pulcinella moderno, eroe dei nostri giorni, quello impersonato da Angelo Iannelli nel cortometraggio che sta spopolando sul web, dove Pulcinella si sveglia da un sonno profondo tra i cumuli di immondizia e si erge a supereroe in difesa del territorio. E dovunque lui presenti il suo progetto, principalmente tra studenti, viene riconosciuto nella maschera moderna napoletana, come il simbolo della speranza.

In merito il poliedrico artista dell’agro nolano, lo scorso venerdì 26 febbraio, è stato intervistato al TGR Campania nell’edizione serale delle 19:30. Nel programma si è sentito in dovere di lanciare un appello alle istituzioni affinché stiano più attente alle problematiche del territorio, soprattutto a salvaguardia delle giovani generazioni, poiché tanti incorrono in terribili malattie che ogni giorno continuano a fare vittime innocenti.

Intanto, il funambolico “Ambasciatore del Sorriso” è stato presente anche al Parco Verde di Caivano – lembo di terra più colpito dal dramma terra dei fuochi – per presentare il suo libro “Io nella terra dei fuochi”, con prefazioni di don Maurizio Patriciello e don Aniello Manganiello, già presentato sulle reti Rai e prossimamente presente al salone Internazionale del libro di Torino.

Per l’occasione ha indossato il camicione bianco e la personale maschera di Pulcinella, personaggio che lo caratterizza ampiamente, e raccontato il suo grido di dolore e di speranza, informando i bimbi di quella terra oltraggiata dai roghi tossici, cumuli di rifiuti, materiale occultato che hanno causato un mortale disastro ambientale e salutare.

Spiegare la tematica che analizza la problematica del paese attraverso un lavoro pedagogico e ludotetico con gli studenti, è stato possibile grazie alla collaborazione delle insegnanti e del preside dell’istituto in loco, Bartolomeo Perna.

Tanti i complimenti di stima ricevuti dall’utenza scolastica, dagli esperti del settore cinematografico della RAI e sui social network. Questa iniziativa rappresenterà l’altra faccia dell’Italia ai Festival Internazionali.

Mauro Romano