Carta dei diritti universali del lavoro: presentazione a Sorrento

325

pasquale cesarano cgil sorrentoUn nuovo statuto dei lavoratori e un referendum per abrogare legge Biagi, collegato lavoro di Sacconi, riforma Fornero e Jobs Act, tutti provvedimenti che, secondo la Cgil, hanno svuotato di diritti lavoro e lavoratori.

Questo l’obiettivo della consultazione straordinaria degli iscritti che la Cgil ha promosso anche in Penisola Sorrentina. Oggi alle ore 18:30 presso la sede di via degli Aranci, 35 a Sorrento, è prevista un’assemblea organizzata proprio per presentare la Carta dei diritti universali del lavoro, il nuovo Statuto delle lavoratrici e dei lavoratori.

“La Carta – spiega Pasquale Cesarano della Cgil Penisola Sorrentina – rappresenta una proposta innovativa che guarda al lavoro subordinato ma anche a quello precario ed autonomo. Con il nuovo Statuto intendiamo difendere la dignità e la libertà di chi lavora, attraverso l’estensione a tutti dei diritti fondamentali, il riconoscimento del ruolo della contrattazione collettiva e la fissazione delle regole sulla rappresentanza. Oggi il mondo del lavoro vede molte disuguaglianze, discriminazioni e divisioni. Per tali ragioni, il nostro obiettivo è allargare la forbice dei diritti, riscrivere nuove regole che non vadano nella direzione della riduzione delle tutele quanto nell’estensione delle opportunità. Il mercato del lavoro cambia velocemente ed ha bisogno di innovazione, non di un ritorno al passato, allo schiavismo.

Con la Carta, abbiamo messo in campo una proposta capace di leggere i cambiamenti ma al contempo di assicurare dignità a tutti. Così, proviamo a costruire un punto di partenza ed unità fra i lavoratori. Chiediamo a tutte le lavoratrici ed i lavoratori della Penisola di esprimersi sulla nostra proposta, non solo per misurare il consenso, ma anche per acquisire un impegno e una responsabilità di dare autonomamente mandato alla Cgil per mettere a punto una proposta di legge da portare in Parlamento e dei quesiti abrogativi da sottoporre a referendum. In un’epoca in cui decidono gli uomini soli al comando, noi rimaniamo per la condivisione collettiva, per far tornare centrale il lavoro attraverso una proposta di unità”.

All’assemblea sarà presente anche Giovanni Nughes, segretario Filcams-Cgil Napoli e Campania.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano