Napoli, non mandano i figli a scuola: 67 denunciati

bambini a scuola

I carabinieri della stazione “Quartiere 167” di Napoli negli ultimi mesi hanno condotto minuziose indagini e accertamenti per verificare quanti bambini frequentano le lezioni nelle scuole del rione “Scampia” e quanti, invece, non hanno nemmeno idea di cosa significhi o, se l`hanno, non ritengono sia importante per la loro formazione e futuro.

67 genitori sono stati denunciati ai sensi dell’art. 731 del codice penale: “inosservanza dell’obbligo dell’istruzione scolastica”: sono responsabili di non aver adempiuto a quello che per un genitore è un obbligo. Gli accertamenti hanno investito 5 istituti secondari di primo grado, tutti a Scampia.

Il “conto” è partito dal mese di settembre e i casi di studenti assenti cronicamente sono risultati 41: ragazzini e bambini nati tra il 2000 e il 2009. Sebbene quasi tutti regolarmente iscritti, ben 23 minorenni non si sono mai presentati in aula; i restanti invece hanno riportato assenze per periodi di tempo lunghissimi, senza un valido motivo.

Qualcuno ha frequentato per una, due settimane o un mese, ma poi da un giorno all’altro non si è più visto. Gli alunni interessati provengono dalla zona e in pochissimi casi anche dai Comuni limitrofi di Sant’Antimo e Melito.

I casi più tristi riguardano alcune famiglie abitanti nelle “vele” e nel campo rom di “Secondigliano”, che sono arrivate a non mandare a scuola fino a 4 figli.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteIl sindaco di Torre del Greco incontra le realtà produttive in vista del Puc
SuccessivoNapoli, tenta di rapinare un negozio di alimentari: preso 23enne
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.