Lavoro nero e immigrazione clandestina: blitz a San Gennaro Vesuviano

273

lavoro nero tessileNel corso di un servizio di contrasto al lavoro nero e al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina i carabinieri della stazione di San Gennaro Vesuviano hanno denunciato 3 persone.

Una 36enne di San Gennaro è stata deferita perché, proprietaria di una mansarda abusiva e priva di agibilità, l’aveva ceduta in fitto “a nero” ad alcuni stranieri irregolari, favorendone in tal modo la permanenza illegale nel territorio italiano. L’immobile è stato sequestrato.

Un bengalese di 32 anni residente a San Gennaro Vesuviano, titolare di una ditta tessile, risponderà invece dell’assunzione a nero di 3 lavoratori stranieri e di furto aggravato di energia elettrica, perché aveva manomesso il contatore per non pagare assolutamente la corrente: il danno economico stimato dall’Enel è di circa 15.800 euro.

Nel corso del controlli inoltre sono stati identificati e controllati 7 cittadini bengalesi, deferiti in stato di libertà perché non in regola con le norme sull’immigrazione.

Un altro cittadino bengalese, 39enne, residente a San Gennaro Vesuviano, è stato denunciato perché – titolare di una rinvendita di alimentari, priva di autorizzazioni-deteneva carni bovine, pollame, prodotti ittici e ortaggi congelati privi di etichettatura e in pessimo stato di conservazione. merce sequestrata e distrutta. l’attività è stata sospesa.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano