Salerno: la Forestale sequestra due impianti di depurazione

324

depuratore punta gradelle

Provincia di Salerno: il Comando Stazione Forestale di Buccino, a seguito delle indagini condotte anche con l’ausilio dei tecnici dell’Arpac di Salerno sugli impianti di depurazione dei reflui urbani, ha dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro che, su richiesta della Procura della Repubblica, è stato emesso dal Tribunale del Riesame di Salerno.

In particolare, è stato eseguito il sequestro di due impianti di “depurazione – trattamento dei reflui urbani” siti nel Comune di Palomonte.

Il Tribunale ha riconosciuto il fumus dei reati di danneggiamento di beni pubblici, gettito di cose idonee a molestare le persone, deturpamento di bellezze naturali. Detti reati sono stati contestati in quanto, all’esito degli accertamenti tecnici è emersa l’inidoneità degli impianti al fine del trattamento delle acque che, quindi, venivano immesse in corsi d’acqua superficiali (nel Vallone Traiano e nel Vallone Catena) senza idonea depurazione.

Le acque sversate contenevano sostanze inquinanti che danneggiavano beni pubblici protetti da vincolo paesaggistico. Complessivamente risultano indagate 4 persone, oltre che per i suddetti reati, anche per il delitto di omissione di atti d’ufficio.

Gli accertamenti si collocano in una più ampia attività della Procura della Repubblica di Salerno finalizzata a verificare eventuali illeciti nella gestione dei sistemi di depurazione delle acque reflue dei Comuni dell’intero circondario, e, quindi, si inserisce nell’ambito di una più vasta strategia investigativa volta ad accertare tutte le possibili cause dell’inquinamento delle acque superficiali interne e del mare, indagine che nelle scorse settimane ha già portato al sequestro degli impianti di depurazione di Amalfi e Praiano.

Share