Castellammare, studenti e Libera in corteo per le vittime di camorra

296

IMAG1869In occasione della grande marcia per la legalità organizzata da “Libera” per lunedì 21 Marzo nel capoluogo campano, il presidio stabiese di tale associazione ha indetto degli incontri per preparare i ragazzi all’evento.

L’ultimo appuntamento si è svolto questa mattina, nell’aula consiliare “Falcone e Borsellino” del comune di Castellammare di Stabia che ha visto la partecipazione del magistrato Concetta Criscuolo, del giornalista e amico di Giancarlo Siani, Antonio Irlando, e del vice parroco della parrocchia SS Maria del Carmine, Pasquale Somma.

A fare gli onori di casa, c’era ovviamente Giuseppe Trotta, giovane rappresentante del presidio stabiese dedicato alla memoria di Alberto Vallefuoco, Rosario Flaminio e Salvatore De Falco vittime innocenti della camorra.

Ad assistere all’evento, inoltre, erano presenti delle delegazioni di tutti gli istituti superiori della città delle acque (che parteciperanno anche alla grande marcia di lunedì a Napoli) accompagnati dai loro rispettivi professori.

libera3

Con parole forti, dirette si sono espressi i tre ospiti. Parole che hanno colpito direttamente il bersaglio, che si sono basate sulle loro esperienze in materia di anticamorra con la speranza di poter smuovere le coscienze dei tanti ragazzi presenti all’evento. E’ da loro che si deve ricominciare, cercando di migliorare in primis la città e poi l’intera nazione.

Molti dei studenti che hanno preso parola hanno evidenziato come le figure di coloro che hanno combattuto apertamente le mafie, possono sembrare “lontane, non vicine a noi. Sembra che non ci appartengono”. Attraverso la testimonianza del magistrato Criscuolo prima e di Don Pasquale e Irlando dopo, l’idea iniziale si è notevolmente modificata. Nel mondo la minoranza non sono le persone che vivono nella legalità, bensì coloro che sviluppano esperienze diverse, coloro che danneggiano un territorio: è questo il punto sul quale si è insistito di più perché, se le nuove generazioni riescono a rendersi conto della pericolosità di tutto il male che circonda la propria terra e, soprattutto, iniziano ad avere il coraggio di denunciare e di non voltare la faccia, per Castellammare ma anche per la Campania e l’Italia, il futuro sarà diverso.

IMAG1878Al termine del convegno, grazie all’aiuto anche della Polizia Muncipale, si è svolto un breve corteo presso “l’albero della legalità” sito in Villa Comunale, dove alcuni ragazzi hanno piantato delle piantine mentre i restanti con canzoni, bandiere, e striscioni hanno colorato il tutto. Giovani accolti anche con gioia da parte dei tanti stabiesi che passeggiavano sul lungomare, o almeno quello che ne resta dopo che i lavori di restyling sono stati bloccati.

La manifestazione, infine, si è conclusa nella sede dell’Asharam (bene confiscato alla camorra) nel centro storico dove si sono lette alcune testimonianze di coloro che combattono attivamente le mafie e con l’invito, l’ennesimo, ad essere forti e coraggiosi.

L’attenzione, la volontà e il coraggio che ci mettono quotidianamente tutti i volontari del presidio stabiese di Libera contro l’illegalità, devono essere un esempio da seguire per tutti i giovani stabiesi, che o per pigrizia, o per paura troppo spesso voltano la faccia e lasciano che gli episodi di violenza possano trionfare.

Gennaro Esposito

 

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano