Il rugby popolare targato Z.O. raddoppia

0
284

rugby ZOLa Squadra di Rugby Popolare Z.O. aspetta i suoi sostenitori alla sua seconda festa di autofinanziamento, una serata ricca di sorprese, nata dalle idee e dall’impegno di tutti i membri della squadra. Nel primo appuntamento, durante l’incontro si è parlato di sport popolare in generale, confrontare le proprie esperienze con quelle di realtà più avviate e discutere del significato dello sport e della sua utilità sociale.

Il dibattito di domani, invece, sarà incentrato sull’antisessismo; si sviscereranno a fondo gli stereotipi e le diseguaglianze di genere presenti nello sport e si proverà ad immaginare nuove pratiche, sociali e sportive, che possano favorire nuovi rapporti di genere avviando un percorso di cambiamento personale, politico e collettivo.

 

Infatti la squadra di rugby popolare Zona Orientale fin dalla sua nascita tra i suoi capisaldi, insieme ad antifascismo e antirazzismo, ha l‘antisessismo. Quello che conta è il valore tecnico e umano dell’atleta, non il suo genere.
Altre realtà condividono questa pratica, a partire dall’incontro di domani è intenzione della società creare una rete di individui e società sportive disposte a superare i rigidi schemi contro cui lottiamo

Dopo il dibattito a rifocillare i presenti per un grasso terzo tempo ci sarà “l‘Osteria del Pilone” con buon cibo a prezzi popolari, birra, vino e cocktails accompagnati dal dj Set a cura di Dj Rudavide & Bertie Boy (reggae,ska,rocksteady)

E intorno alle 21.00 si apriranno le danze con i Suck my bliss (alternative rock) e gli Shipwrecked (groove/sludge metal) e per concludere la NOTTE TRASH, Special guest: “Aglio Uoglio & Waste”

Si ricorda che durante la serata verrà raccolto materiale (vestiario, scarpe, libri, materiale didattico) per i giovani migranti, ospiti a Torrione presso l’associazione Onmic, che hanno iniziato gli allenamenti con la Z.O. Lo sport, ancora una volta, si rivela un formidabile strumento di integrazione e di riscatto sociale. La ZO ribadisce quindi il suo fermo NO ad ogni forma di razzismo e fascismo.

rugby zo