Pompei, arrivano le strisce rosa per le donne in dolce attesa

334

strisce rosaI parcheggi della città di Pompei si “tingono” di rosa. La Giunta Uliano ha deliberato l’avvio dei “parcheggi di cortesia”. Sono aree di sosta riservate alle donne in gravidanza o con bambini piccoli, in luoghi strategici della città.

Da cavallo di battaglia del programma elettorale di “Uliano sindaco”  a realtà del Sindaco Uliano. La Città di Pompei dimostra, così, una particolare attenzione alle future mamme e alle mamme di bimbi piccoli, assegnando spazi in cui potranno parcheggiare comodamente l’automobile senza essere costrette a giri infiniti.

Pionieri di questa iniziativa sono stati Città come Aosta, Cantù, Rovigo, Jesolo e Parma. Oggi la “macchia rosa” si allarga fino a Pompei. “Per le donne in stato di gravidanza e per le neo mamme – spiegano il Sindaco Ferdinando Uliano e il Vicesindaco e Assessore alla Mobilità Pietro Orsineri – che si muovono prevalentemente con mezzi privati per sottoporsi a visite presso strutture sanitarie e per accompagnare il neonato dal pediatra, la prolungata ricerca di parcheggio, le attività connesse alle manovre di posteggio per la ricerca di parcometri, nonché le operazioni di carico e scarico di passeggini, navette, borse possono rappresentare un serio problema di affaticamento e stress pisco-fisico. Questa Amministrazione, nell’ambito di una politica di sostegno alla famiglia e di miglioramento della qualità della vita, ha inteso creare per la categoria di ‘utenti deboli’ stalli di sosta riservati”.

Dare la precedenza a donne in gravidanza e mamma con bambini fino a un anno di vita è il principio-guida delle aree rosa.  L’idea si basa sul concetto del “dare la precedenza”. Non ci sono infatti norme legali che prevedano l’obbligo di cedere il posto alle neo-mamme. Niente obblighi, solo una questione di civiltà, ecco quello che rappresentano gli stalli rosa.

Aree di cortesia saranno realizzate nei pressi di Asl, farmacie e centro storico, dove a prevalere sarà il senso civico degli automobilisti, nei confronti della delicata situazione delle donne in attesa o di quelle con neonati a bordo.

Share