Castel Volturno, rubano un auto: bloccati e arrestati sulla tangenziale

0
505
furto auto torre annunziata

furto-auto-3

Nell’ambito dei servizi programmati per il controllo del territorio la Polizia Stradale, su segnalazione del Centro Operativo Autostradale di Napoli, veniva allertata per un furto aggravato di un’autovettura Nissan, sottratta poco prima al legittimo proprietario nella clinica “Pinetagrande” di Castel Volturno.

Utilizzando anche le tecnologie ed i sistemi di videosorveglianza della società Tagenziale di Napoli, il veicolo rubato veniva individuato nei pressi dello svincolo di Vomero ove il suv veniva intercettato da una volante.

Due passeggeri, uomini di colore, scendevano dall’auto e si allontanavano lungo la carreggiata in direzione Fuorigrotta mentre il conducente, un tunisino nazionalizzato italiano, veniva bloccato all’interno del veicolo.

Contestualmente altri due equipaggi della Polizia Stradale convergenti sul posto, bloccavano i due extracomunitari in fuga verso la viabilità esterna. Il conducente, è stato identificato per il pregiudicato Boulaares Montassar, di anni 20, mentre i due passeggeri sono stati identificati come Idi Bogibiri e Issaka Abduail, di anni 36 e 30, cittadini ghanesi, erano colpiti da un ordine di espulsione dal questore di Roma nell’anno 2011 non ancora eseguito.

Nel corso di una perquisizione effettuata sul posto, indosso al Boulaares venivano rinvenuti gli effetti personali della vittima del furto, un tecnico di radiologia in servizio presso il pronto soccorso della clinica “Pinetamare” di Castel Volturno mentre indosso ai due cittadini ghanese venivano rinvenuti arnesi vari ed un metal detector sottratti poco prima dalla sala di risonanza magnetica del predetto ospedale.

Durante l’intervento il ghanese Isi Bogibiri impugnava un coltello a scatto avente un lama di cm. 10 mentre l’altro suo cannazionale aveva indosso un altro arnese con lama da cm. 6.5. Al termine si scopriva che i tre extracomunitari, qualche ora prima, erano entrati all’interno della clinica “Pinetamare” dove avevano aperto numerosi aramedietti di dipendenti e sottratto denaro, oggetti vari e materiale specialistico, scappando poi a borso dell’autovettura del tecnico di radiologia, travolgendo con il veicolo la sbarra che chiude il parcheggio.

I tre pervenuti venivano tratti in arresto e stamani saranno sottoposti a rito direttissimo.