Pompei, doppi turni al liceo “Pascal”: il sindaco incontra la dirigente

546

Incontro Liceo Pascal 2Il Sindaco Ferdinando Uliano ha incontrato la dirigente scolastica del Liceo “Pascal”, Filomena Zamboli, per affrontare e risolvere la problematica dei doppi turni.
L’edificio del Liceo Scientifico – di competenza della Città Metropolitana – ha una carenza di aule e questo, di conseguenza, costringe gli alunni ad affrontare la problematica dei doppi turni.

In particolare il problema sorge dall’inagibilità della succursale di via Astolelle – che le classi del liceo “Pascal” condividono con la Scuola Media “Matteo della Corte” – per la mancanza della scala antincendio.

A fronte di ciò, il Sindaco di Pompei e Consigliere della Città Metropolitana, si è impegnato a portare all’attenzione del Consiglio Metropolitano la questione del Liceo “Pascal”, al fine di reperire fondi per la realizzazione della scuola antincendio – come step a medio termine – e la realizzazione di nuove aule – come step a medio e lungo termine.

“Farò da garante nel Consiglio Metropolitano per reperire finanziamenti”, ha assicurato il Sindaco Ferdinando Uliano.

“Ringrazio il sindaco per la solerzia nell’anticipare i tempi tecnici per il recupero di finanziamenti necessari alla risoluzione della carenza di aule – afferma la Preside Filomena Zamboli – anche in prospettiva della sempre più crescente domanda formativa”.

All’incontro di questa mattina, presso la sala di rappresentanza di Palazzo De Fusco, unitamente al sindaco Ferdinando Uliano e alla Dirigente Scolastica, Filomena Zamboli, hanno preso parte: la Professoressa Luisa Ruocco; i Docenti Aspp – addetto al servizio di prevenzione e protezione – Professoresse Antonella Pacilio e Assunta Carotenuto; il Presidente del Consiglio d’Istituto Luigi Afeltra, il Vice Presidente Angelo Eliano; i Rappresentanti del Comitato Genitori Filippo Bello e Antonio D’Antuono, Rappresentante Consiglio d’Istituto Professoressa Maria Antonella Orso; Rappresentanti Alunni del Consiglio d’Istituto Sara Coppola, Sara Santorelli e Maria Aquino.

Share