Omicidio di Ciro Esposito: chiesto ergastolo per Daniele De Santis

404

ciro esposito omicidio napoli roma

Omicidio del tifoso del Napoli Ciro Esposito: la Procura della Repubblica di Roma nelle scorse ore ha chiesto l’ergastolo per l’ultrà giallorosso Daniele De Santis. Il giovane fu ferito gravemente il 3 maggio 2014 poco prima della finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli e morì dopo un’agonia di 53 giorni

I pm Eugenio Albamonte e Antonino Di Maio hanno, inoltre, sollecitato una condanna a tre anni per gli altri due imputati, Gennaro Fioretti e Alfonso Esposito, tifosi del Napoli e accusati di rissa aggravata. I due avrebbero fatto parte del gruppo che con ciro espositoCiro Esposito si avventarono contro De Santis nella zona di viale di Tor di Quinto.

“La richiesta di ergastolo deve essere un monito, non è una questione di soddisfazione, io ho perso mio figlio e nessuno me lo ridarà ma chi esce per uccidere ci deve pensare due volte”, ha detto Antonella Leardi, madre di Ciro Esposito.

“Sono migliaia gli iscritti della pagina ‘Facebook’ che abbiamo creato per chiedere l’ergastolo per De Santis, accusato di aver provocato gli scontri con i tifosi del Napoli e di aver poi ucciso Ciro Esposito perché non è possibile un’altra pena se non quella per chi, prima, ha messo a rischio la vita di centinaia di persone, compresi bambini, e poi ha ucciso un ragazzo sceso per aiutare le famiglie prese di mira da De Santis”.

Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e Gianni Simioli de ‘La radiazza’ che portano avanti la battaglia per ottenere “una punizione esemplare per De Santis che non ha mai dato segni di pentimento e non si è mai scusato, conservando quell’atteggiamento violento che l’ha portato a uccidere Ciro Esposito”.

“La richiesta dell’ergastolo era inevitabile e i giudici dovranno confermare la richiesta del pubblico ministero per una persona che, anche oggi, ha dato segnali del suo atteggiamento spavaldo e di sfida definendo buffoni i magistrati”, hanno concluso Borrelli e Simioli per i quali “se c’è un buffone in questa storia tristissima è lui, un assassino buffone che merita di restare in carcere fino alla fine dei suoi giorni”.