Atrani, torrente Dragone: al via la pulizia delle briglie

429

atrani torrente dragoneSono cominciati oggi gli attesi interventi di pulizia alle briglie collocate lungo l’alveo del torrente Dragone, su cui non veniva effettuata manutenzione dal 3 luglio del 2014.

Annunciati da Genio Civile ed Arcadis lo scorso 16 marzo, dopo mesi di polemiche e un
inutile rimpallo di responsabilità, fanno seguito alle continue sollecitazioni del Comune di Atrani, impegnato sin dall’ultimo
intervento effettuato a ricordare presso tutte le sedi opportune l’importanza di una puntuale manutenzione dell’opera.

Un’azione sempre
costante portata avanti con estrema decisione, anche se a volte sottotraccia, che è riuscita a sbloccare con successo una situazione
di stallo inutile e dannosa.

Ricordiamo che la questione della mancata pulizia periodica dell’opera, posta lungo il corso del torrente dopo i tragici fatti del
9 settembre 2010, è stata oggetto di interrogazione a risposta scritta da parte di Alberico Gambino, presidente del Gruppo Consiliare Fratelli d’Italia a Palazzo Santa Lucia, finendo anche nel mirino della Procura.

Sull’effettiva utilità dell’opera circa la mitigazione del rischio idrogeologico è sempre aperto il dibattito, alla luce di quanto già
nel 2011 sosteneva il geologo Ortolani. Quelle briglie “mal concepite e realizzate” necessitano di pulizia continua, quasi dopo ogni evento
piovoso. Un dato ormai chiaro a tutti che, oltre a far rimanere tutti i dubbi sulla reale utilità dell’opera, costringe di fatto a ripensare
il criterio della “somma urgenza” in una programmazione sistematica e coerente degli interventi di manutenzione. Ed è proprio in direzione di un piano condiviso programmato con la destinazione di un finanziamento specifico e di specifico soggetto attuatore che Atrani continua a lavorare, per uscire definitivamente da quegli stati di continua emergenza o “somma urgenza” che, da troppo tempo, hanno sostituito il regime “ordinario” nella gestione della sicurezza del territorio.

È questa, infatti, la proposta che il Comune avanza in una lettera indirizzata anche alla Regione Campania, pur non ricadendo le briglie nell’arco territoriale di propria competenza: inserire la
manutenzione delle briglie a pettine nell’accordo di programma tra Regione e Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del
Mare del 12 novembre 2010 o, nel caso tale accordo non fosse più valido, attivarsi prontamente per approntare un piano pluriennale di
manutenzione ordinaria e periodica dell’opera in questione che miri a mitigare in maniera duratura e costante il rischio idrogeologico.

Share

Lascia una risposta