Pregiudicato allestisce canile abusivo mentre è ai domiciliari

194

poliziaUn pregiudicato di 61 anni, si era organizzato nel creare un piccolo canile abusivo, ove familiari e parenti lasciavano i propri cani, neanche fosse un’attività di Dog-sitter.

Purtroppo, però, a prendersi cura di quei cani, non vi era nessuno, visto che il 61enne sta scontando una pena in regime degli arresti domiciliari.

L’uomo, infatti, sul suolo pubblico vicino ad un’area verde di circa 100 metri, aveva creato, con una rete metallica, una recinzione lungo tutto il perimetro, collocandoci 4 cucce per altrettanti cani, ritenuti potenzialmente pericolosi: 2 pit bull, un bull terrier ed un rottweiler.

A scoprire l’illecito “canile” sono stati gli agenti della sezione “Volanti” dell’U.P.G. che, nel pomeriggio di ieri, nel transitare nella zona, sono intervenuti in Via Luigi Serio, ove è ubicata l’edilizia denominata “Case nuove”.

Gli agenti, collaborati da personale dell’Asl – servizio veterinario, hanno accertato che le condizioni di salute dei cani erano buone, e che 3 dei 4 cani erano dotati di microchip.

I poliziotti hanno accertato la responsabilità del 61enne, sanzionandolo amministrativamente, oltre ad imporre il ripristino dell’aiuola.

Tutti i cani sono stati affidati ai rispettivi proprietari, anche quello senza microchip il cui proprietario, intervenuto sul posto, si assumeva la responsabilità di effettuare le procedure amministrative per l’installazione.