Ercolano, il vice sindaco Fiengo: “Tutti devono dare il massimo contributo”

284

Vice Sindaco Luigi Fiengo“Ercolano necessita di positività e di un concreto processo di rinnovamento che elevi da un alto la potenzialità produttiva dei luoghi e dall’altro ‘tuteli la sicurezza dei cittadini”: queste le parole del vice sindaco Luigi Fiengo che si sposano perfettamente con la politica ad oggi messa in essere dal primo cittadino Ciro Buonajuto.

Il bicchiere della qualità amministrativa locale si può sempre vedere mezzo pieno o mezzo vuoto : tuttavia la capacità d’analisi obiettiva e l’amore per i luoghi dovrebbero prevalere sulle critiche spicciole e sugli attacchi mirati ad un sindaco che si trova quotidianamente a fare i conti con un’eredità amministrativa pesante.

In tal senso il vice Fiengo invita tutti al siano dialogo e al confronto costruttivo: “Certi della maturità politica di tutte le forze attive in ambito consiliare siamo oggi chiamati ad offrire il massimo contributo, nel rispetto dei ruoli e delle competenze specifiche, alla valorizzazione di un territorio dalle capacità espressive e produttive appena scalfite. Occorre cassare definitivamente immobilismi e sterili polemiche in nome di una sinergia operativa che deve vedere l’intero governo locale protagonista”.

Chiaro il messaggio di Fiengo in linea con l’impegno ad oggi profuso sul territorio dal premier Buonajuto : entrambi gli amministratori sono particolarmente vicini ai giovani e alle esigenze di chi da sempre è fiero di restare e investire in questi luoghi.

“Attraverso lo sport – ha concluso Fiengo – l’associazionismo e l’interazione con l’istituzione scuola sarà possibile imprimere una spinta positiva nel processo di crescita di una comunità alla quale siamo fieri di appartenere. Non si tratta di ripetersi ma di evidenziare con forza principi nei quali crediamo ciecamente . In tal senso desidero salutare con affetto e ammirazione un grande atleta indigeno, Antonio Ciano, judoka di fama internazionale in forza alle Fiamme Gialle. Un ercolanese DOC che ha fatto onore alla città con i suoi successi internazionali divenendo esempio da emulare per i nostri giovani. A lui il merito di aver vinto il match più importante, quello con la vita”.

Pagine di storia positiva negli annali di un’Ercolano che non accetta più il riduttivo appellativo di provincia degradata ne di comunità infestata dal fenomeno camorristico grazie al coraggio e alla costanza di chi ancora crede nelle Istituzioni e nella Sovranità della Repubblica.

Alfonso Maria Liguori

Share
Condividi
PrecedenteScampia, colpita una donna in un bar: probabile ipotesi di vendetta trasversale
SuccessivoArrestato Brunitto, latitante del clan Polverino da 3 anni
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.