Sanità, a Portici e San Giorgio a Cremano al via le Aggregazioni Funzionali Territoriali

261

ATT. PEREGO E CATTANEO - OSPEDALE NIGUARDA REPARTO DI CARDIOCHIRURGIA MEDICI PAZIENTI INFERMIERI RIANIMAZIONE SANITA' - Fotografo: FOTOGRAMMA DEL PUPPO

Sanità, verso un nuovo modello di continuità assistenziale. Fortemente voluto dal presidente della regione Campania Vincenzo De Luca, attraverso il coordinamento dell’Asl, le città di Portici e di San Giorgio a Cremano sono state scelte per avviare nella provincia di Napoli il primo esperimento di Aggregazione Funzionale Territoriale (AFT). Si tratta di un raggruppamento funzionale, mono-professionale di Medici di Medicina Generale (MMG) ed è la cornice nella quale sviluppare un nuovo modello di continuità assistenziale.

L’obiettivo delle AFT è quello di affidare ai medici afferenti, secondo obiettivi definiti e concordati con l’Azienda Sanitaria, la tutela della salute della popolazione di riferimento, sviluppando l’assistenza sul paziente affetto da cronicità e favorendo l’empowerment dei propri assistiti. Dunque sempre più verso un’assistenza sanitaria che riduce i tempi di ospedalizzazione con effetti positivi sui costi e sulla salute dei cittadini.

I sindaci delle due città vesuviane, Nicola Marrone (Portici) e Giorgio Zinno (San Giorgio a Cremano) hanno espresso grande soddisfazione per la scelta di avviare un progetto così innovativo nelle città che amministrano: ”Premiata la credibilità frutto della collaborazione istituzionale che quotidianamente caratterizza la nostra azione amministrativa”.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano