Bellezze di Napoli: la Stazione Toledo

748

stazione Toledo napoliIn principio fu il Telegraph, adesso anche la nota emittente statunitense, la CNN, considera la stazione della metropolitana di Toledo, la più bella d’Europa.

La stazione Toledo, inaugurata nell’ottobre del 2012, viene ideata dell’architetto catalano Oscar Tusquets Blanca, che ha posto alcune modifiche al progetto iniziale pur di tutelare e rendere parte integrante del progetto, le antiche cinte murarie aragonesi sorprendentemente scoperte durante gli scavi per la costruzione della metro.

I colori predominanti della metro prendono spunto dalla città, così abbiamo il giallo per ricordare il tufo e l’azzurro che rappresenta il mare di Napoli.

La stazione della metro di Toledo è una vera e propria opera d’arte moderna che ben si combina con lo spazio circostante ricco di storia e di edifici antichi che fiancheggiano i Quartieri Spagnoli dove troviamo una seconda uscita in cui è presente una galleria d’arte fotografica di Oliviero Toscani, intento a catturare i volti e le espressioni di personaggi comuni che vivono nel ridente quartiere popolare di Napoli.

Se la stazione Toledo è ormai la regina delle metro napoletane, meritano in ogni caso di essere visitate una volta arrivati a Napoli, anche le fermate di Garibaldi presso l’omonima piazza e la fermata Univeristà a Piazza Borsa. Ormai sono tante le attività turistiche che promuovono “tour underground” da far conoscere ai turisti; un business nuovo ed esclusivo che continuerà ad ampliarsi nei prossimi anni quando la fermata Municipio sarà definitivamente completata.

I mastodontici lavori della metro costruita accanto all’imponente Maschio Angioino procedono anche seppur a rilento ma è possibile dire già da ora con estrema sicurezza che una volta completata anche questa stazione metropolitana, il centro di Napoli assumerà una nuova fisionomia, più moderna e più europea, senza svilire le peculiarità che contraddistinguono da sempre il porto e i luoghi adiacenti alla fermata della metro.

 

Alessandro Di Napoli

 

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano