La Salernitana ipoteca la salvezza

257

lanciano-salernitanaDopo che la decisione della Seconda Sezione di Garanzia dello Sport ha respinto il ricorso sulla riduzione della penalizzazione al Lanciano, è stata confermata la sfida tra la squadra di Maragliulo e la Salernitana di Menichini nei playout, con la conseguente e automatica retrocessione del Livorno in Lega Pro.

La Salernitana inizia all’attacco il primo tempo e, dopo un paio di occasioni, al 9° minuto va avanti con Donnarumma: lancio in profondità da centrocampo di Pestrin che trova l’attaccante in area di rigore liberissimo di battere Cragno. La Salernitana continua a giocare meglio ma il Lanciano trova il goal del pareggio al 16° con Marilungo che, su corner di Vitale, riesce di testa ad insaccare in rete. Bisogna dire però che la difesa granata aveva lasciato l’attaccante libero da marcature in area di rigore. La Salernitana non ci sta e cinque minuti più tardi si porta nuovamente in vantaggio con Zito che colpisce il pallone a volo dopo il cross dalla destra di Nalini. Bel gesto tecnico dell’ex Avellino che batte Cragno. Il Lanciano è di nuovo sotto ma non riesce a reagire, il gioco rallenta e si concentra a centrocampo. Solo poche altre occasioni per la Salernitana nel primo tempo, e le squadre rientrano negli spogliatoi sul risultato di 1-2.

 

 

Nel secondo tempo Maragliulo prova a cambiare qualcosa e il Lanciano entra in campo con uno spregiudicato 3-5-2 per provare a rendersi più offensivo e pericoloso. La partita continua su ritmi blandi ma stavolta il Lanciano riesce, in qualche occasione, ad impensierire Terracciano. La Salernitana prova a spingere un po’ ma preferisce comandare per portare a casa il risultato. Con la sostituzione di Gatto al posto di Nalini, la Salernitana trova il terzo goal: la sponda di testa di Coda, dopo il lancio lungo dalle retrovie, trova l’esterno appena entrato che si avvicina alla porta palla al piede e dal limite dell’area la mette all’angolino. Partita virtualmente chiusa per la Salernitana che prova a difendersi con l’ingresso del centrocampista Moro al posto dell’attaccante Donnarumma. Il Lanciano prova ad accorciare il risultato ma si spinge troppo avanti lasciando così spazi alla Salernitana di colpire in contropiede. Al 91°, infatti, Moro e Coda salgono palla al piede contro il solo Rigione, rimasto dietro a difendere, e si scambiano il pallone prima della conclusione dall’interno dell’area dell’attaccante che batte Cragno. La partita termina sul risultato di 1-4 e la Salernitana, con questo largo risultato ottenuto fuori casa, si è quasi assicurata la permanenza in Serie B. La squadra i Menichini ha giocato meglio ed ha meritato più del Lanciano, che, a questo punto, avrebbe bisogno di un miracolo per ottenere la salvezza.

 

 

TABELLINO

Lanciano – Salernitana 1-4: Donnarumma(S) 9° – Marilungo(L) 16° – Zito(S) 21° – Gatto(S) 81° – Coda(S) 91°

Lanciano (4-3-2-1): Cragno, Salviato, Rigione, Amenta, Di Matteo, Vitale, Bacinovic, Rocca (Turchi 66°), Vastola (Aquilanti 7°), Marilungo, Bonazzoli (Padovan 72°). Allenatore: Maragliulo.

Salernitana (4-4-2): Terracciano, Tuia, Bernardini, Empereur, Rossi (Franco 38°), Nalini (Gatto77°), Pestrin, Odjer, Zito, Donnarumma (Moro 83°), Coda. Allenatore: Menichini.

 

Erasmo Micera

Share