Ercolano, positiva risposta dei cittadini all’apertura dei giardini di Villa Favorita

433

Villa FavoritaPositiva a Ercolano la risposta dei cittadini  dopo l’apertura al pubblico dei giardini di Villa Favorita. Un polmone verde in cui portare i bambini o passeggiare immersi nel verde e nelle meraviglie di una perla del Miglio D’oro.  Ottima la risposta del personale comunale sempre professionale e attento nei confronti del pubblico anche grazie alla cooperazione con le unità volontarie della protezione civile.

“Villa Favorita – ha commentato il vice sindaco di Ercolano Luigi Fiengo – è un patrimonio locale che siamo orgogliosi di mettere a disposizione dei cittadini  favorendo la sana aggregazione sociale, pensiamo alle tante famiglie che portano i bimbi al parco, e offendo nel contempo location  ideale per discipline dinamiche come la corsa. Una risorsa comune che va tutelata e valorizzata dalla maturità sociale e dalla civiltà degli stessi ercolanesi: siamo certi che la comunità darà ancora una volta prova di moderazione e buon senso preservando un’oasi verde che fa onore alla città di Ercolano”.

Peronale comunale e volontari PC Villa FavoritaUn messaggio positivo quello del vice sindaco Fiengo sempre vicino alle problematiche sociali con particolare riferimento al mondo dei giovani. Aveva suscitato particolare interesse l’appello alla moderazione lanciato da Fiengo in merito all’uso di bevande alcoliche . “Un momento di ebbrezza non vale mai una vita”: questo orami lo slogan del vice sindaco di Ercolano che si era espresso anche contro l’uso di stupefacenti ammonendo i giovani ercolanesi dall’emulare modelli comportamentali che portano i ragazzi a trasformare la propria personalità in negativo per emergere nel branco.

“Essere se stessi sempre: chi ci ama ci accetterà per l’unicità della nostra persona nell’insieme dei  pregi e difetti”: queste le parole di Fiengo che si conferma ancora una volta vicino alle nuove leve ercolanesi e presente tra la gente di Ercolano senza cercare ad ogni costo riflettori mediatici.

Ercolano si colora di verde e lo fa in piena sintonia con il processo rinnovativo fortemente voluto dal primo cittadino Ciro Buonajuto. Pagine di storia positiva per una comunità vesuviana che anela al riscatto socio – produttivo da tempo certa delle potenzialità appena scalfite di questi luoghi  dai natali celeberrimi  e dalla mai sopita voglia di “fare”.

Alfonso Maria Liguori

Share
Condividi
PrecedentePompei: “facite ammuina” e intanto la nave resta ferma
SuccessivoIndagini antidroga dei Carabinieri scoperto un “coffee shop”. Arrestati i 4 gestori
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.