San Giorgio a Cremano, Caserma dismessa: al via l’annessione nel patrimonio comunale

1649

13620080_1622283064751450_5607174594392288022_nDopo 18 anni il Secondo Comando delle Forze Operative di Difesa lascia la città di San Giorgio a Cremano. Riassetto per l’Esercito Italiano, in virtù delle disposizioni date dal governo Renzi sul riassetto di tutte le Forze Armate, che vedrà il Secondo Comando trasferirsi a Napoli.

In città resta il Comando della divisione “Aqui” e il reparto Comando e Supporti tattici, alla guida del Generale di divisione Antonio Vittiglio. Da qui saranno gestite ben cinque brigate per un totale di 20 mila soldati e nella struttura svolgeranno attività circa 500 persone.

Ed è proprio sulla grande caserma dismessa, visto il trasferimento del Secondo Comando, che ora si concentrano i riflettori, soprattutto in vista di una eventuale annessione della stessa nel patrimonio comunale e progettare il riuso per la cittadinanza. Un’opportunità che il sindaco della città di San Giorgio a Cremano, Giorgio Zinno, non vuole perdere:. «Per la nostra città si fa più concreta la possibilità di annettere parte della grande caserma dismessa al patrimonio comunale grazie al piano di passaggio agli enti locali di strutture militari previsto dal Governo Renzi» ha dichiarato il sindaco Zinno.

«Nell’ottica della programmazione avevo già aperto un rapporto con il Ministero della Difesa. L’annessione dei locali inutilizzati della caserma significherebbe ottenere nuovi spazi vivibili per i cittadini, riqualificando la zona sud della città e creando interessanti progetti di sviluppo, occupazione lavorativa. SanGiorgio‬ crea opportunità. Grazie al Comandante,Generale De Leverano con il quale continueremo a collaborare come è stato finora per il benessere del nostro territorio».

Share