Si pente il super ras cutoliano Pasquale Scotti e va come un fiume in piena

531

Camorra: Scotti preso in panetteria, sposato e con due figliTerremoto negli ambienti malavitosi partenopei (e non solo): dopo 31 anni si pente l’ex boss cutoliano Pasquale Scotti.

Da circa due mesi in totale segretezza presso un carcere di massima sicurezza (la cui posizione resta strettamente riservata) il ras della NCO starebbe parlando con i PM di centinaia di omicidi commessi dai cutoliani, di alleanze eccellenti e degli appoggi insospettabili che hanno concesso a boss del suo calibro di latitare all’estero per decenni (ricordiamo che Scotti è stato arrestato in Brasile).

pasquale-scottiMa c’è di più: i giudici avrebbero fatto a Scotti domande precise sulla trattativa tra Stato e brigate rosse: quesiti a cui l’uomo starebbe rispondendo come un fiume in piena evidenziando nel contempo collusioni eccellenti con i servizi, la massoneria e la politica centrale.

Un vero e proprio terremoto dalle conseguenze inimmaginabili. Secondo alcune indiscrezioni, politici ancora in auge potrebbero essere citati da Scotti come artefici di accordi con la camorra, con il sistema terroristico “rosso” e con alti funzionari delle forze dell’ordine complici a vario titolo di crimini contro lo Stato. Per la prima volta si sarebbe ad un passo dal fare emergere la convivenza tra Stato e criminalità organizzata.

A certi livelli esisterebbe un legame tra cosa nostra (i pentiti hanno sempre evidenziato come il termine mafia sia solo ornamentale), ndrangheta, camorra, servizi segreti, massoneria e cattiva politica. Una cupola capace di cambiare a proprio piacimento gli eventi e la storia stessa dell’Italia con interessi economici inimmaginabili in ogni settore. Insomma un’indagine talmente delicata da rischiare di mettere seriamente in pericolo la stabilità di questa repubblica.

Proprio su questo punto i magistrati agirebbero con la massima prudenza e professionalità ben consci del  pericolo  di fughe di notizie non confermate che potrebbero creare forti tensioni nella mondo politico che conta.

Il principio di innocenza resta sovrano come la necessità per la giustizia di provare oltre ogni ragionevole dubbio. Addirittura si temerebbe per l’incolumità di Pasquale Scotti che sarebbe guardato a vista 24 h su 24 in sezioni penitenziarie segrete. Purtroppo è già successo in passato che a qualche testimone eccellente è stata “cucita per sempre  la bocca” alla vigilia di processi epocali.

Corsi e ricorsi della storia? Da cittadini onesti ci auguriamo proprio di no.

Alfonso Maria Liguori

Share
Condividi
PrecedenteArriva il metano a Terzigno. Ripartono i lavori per il “gas di città”.
SuccessivoSan Sebastiano, ‘Rassegna del Verde’: Focus sui temi dell’ ambiente e della cultura
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.