Tutti vogliono “Dottore… Caffè?”

396

dottore caffè libroL’estate continua sulle spiagge affollate e nelle città della movida e oltre agli abbronzanti e i grandi cappelli, molti non dimenticano di portare in borsa una copia di “Dottore… Caffè?”, l’appassionante romanzo rosa di Rosanna Pannone, che per essere un’esordiente, sta avendo un successo inaspettato dentro e fuori la sua regione, basti pensare che da tutta Italia arrivano decine e decine di richieste di acquisto.
Ha già debuttato alla grande nel difficile mondo dell’editoria, lo scorso 11 luglio, a Napoli, a Posillipo, alla presenza di scrittori professionisti che hanno elogiato e apprezzato il suo lavoro e di Monica Sarnelli che ha firmato la prefazione.
È così cominciato il tour #dottorecaffè che ha visto l’autrice approdare prima nella magica Sardegna, a Cagliari e a Dorgali, per poi raggiungere la meravigliosa Parma, e le sue due province, Fornovo e Berceto. Un debutto un po’ al di sopra delle righe per una donna che non è abituata a ricevere regali dalla vita, una persona che tutto quello che ha ricevuto se lo è conquistato con le sue mani, ecco perché a Rosanna non basta un semplice applauso o un sorriso, lei punta in alto, perché è una giovane di talento e molto determinata come Nina, la protagonista del suo libro.

 
Stefania Spisto Presidente del “Quaderno Edizioni”, esprime così la propria soddisfazione: “Sono molto contenta per il successo che sta riscuotendo Dottore… Caffè?, un libro che parla di un’ avvincente storia d’amore, un libro che è stato scritto per far sognare tutti, dalla giovanissima ragazza al suo primo amore, alla donna lavoratrice di quaranta anni fino alla vecchietta nostalgica dei bei tempi trascorsi, ma questo libro è rivolto anche agli uomini che vogliono capire meglio le donne e lo loro emozioni più profonde e poi perché non immaginare di avere al proprio fianco una donna come Nina? A voi le risposte”.
Sarà in queste sfumature che risiede il suo successo o in quella voglia di amare e di essere essere amati che appartiene a tutti noi.

Federico Ascolese

 

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano