Terremoto, Confedercontribuenti chiede fondi europei non spesi

263

Terremoto marcheIl patto di stabilità e crescita (PSC) è un accordo, stipulato e sottoscritto nel 1997 dai paesi membri dell’Unione Europea, inerente al controllo delle rispettive politiche di bilancio pubbliche, al fine di mantenere fermi i requisiti di adesione all’Eurozona. In casi particolari è possibile chiedere una deroga.

“A seguito del Sisma che ancora coinvolge il cuore dell’Italia, abbiamo assistito a tante manifestazioni di vicinanza e solidarietà tra cui messaggi da parte della comunità europea. Oltre ai messaggi però vogliamo azioni concrete” – interviene Carmelo Finocchiaro presidente nazionale di Confedercontribuenti.

L’Italia può chiedere l’attivazione del Fondo di Solidarietà UE; la richiesta va inoltrata a Bruxelles dalle autorità nazionali entro 12 settimane dal disastro.

“Oltre a questo fondo, chiediamo che venga concessa una deroga al patto di stabilità e che i Fondi Comunitari non utilizzati vengano spesi per un piano idrogeologico serio. Il contribuente italiano versa molte tasse nelle tasche europee ed ora è giunto il tempo di utilizzarle” – conclude Finocchiaro.

Share