Champions, il Napoli passa a Kiev: gioco incerto, risultato ottimo

291

milik-napoli-dinamo-kievProva di personalità della squadra che va in svantaggio con un inizio contratto, ma reagisce, rimonta e vince.

Primi minuti con la Dinamo scatenata e un Napoli che non sempre ha i tempi e le contromosse giuste per le folate dei bianchi di Ucraina.

Un risultato finale che poteva essere più abbondante con qualche occasione non proprio illuminata dalla fortuna, vedi il palo di Mertens. Ma gli azzurri vanno a corrente alternata e, appunto, alternano blocchi di buon gioco a eterni minuti di sbandamento come negli ultimi 20 minuti. Assolutamente annullata la superiorità numerica ca una palese tensione per l’esordio nell’Europa che conta.

Bene la difesa, ma piazzata male sul gol della Dinamo. Discreto il centrocampo, benissimo Ghoulam e Callejon sulle fasce esterne. Ottimi i movimenti in attacco di Milik che segna due splendidi gol.

“Il miglior Napoli degli ultimi dieci anni” afferma capitan Marek Hamsik, forse non proprio quello di questa sera come confermato da Sarri, ma a pesare è il risultato che ora vede il Napoli già alla guida del girone e attende a fine mese il Benfica beffato oltre il finale dai turchi.

E. C.