Fabio de Caro, da “Malammore” a “Malamore”

481

fabio_de_caroUn’intensa settimana  quella che si è appena conclusa per tutta la troupe di “Malamore”.

Completate le prime scene, con l’utilizzo di diverse location, sarà il momento dei “non luoghi”, l’escamotage filmico, ideato dal regista   Brancaccio   nel quale “immergere” i tratti narrativi più densi: monologhi/confessioni/ricordi da affidare al ritmo sincopato della vita vera, quello che la paura, la memoria, l’ansia – concrete testimonianze di esistenze tormentate – modellano.

Una prova attoriale non facile, ad esaltare le sicure doti di cui hanno già dato dimostrazione i nostri protagonisti. Eccezionalmente misurato e minimale nella sua asciutta recitazione, Fabio de Caro, il “malammore” di “Gomorra- la serie”. Da “Malammore” a “Malamore”, – sarebbe il caso di dire – con l’arroganza della doppia emme, perde enfasi e maniera ma mostra un’ eccitata versatilità che lo conferma attore di grandi prospettive, tra i più interessanti nel panorama del cinema italiano.

 

 

onofrio_brancaccio_registaDi uno straordinario rigore formale piegato ad una rara sensibilità, l’interpretazione di Laura Amalfi. I suoi enormi occhi neri, teneri e terribili, si fanno le sentinelle dell’anima del mondo. Malamore è un docufilm che racconterà, in maniera diversa dal tradizionale, il terribile incubo dello stalking.

Di taglio cinematografico, darà vita ad un racconto commovente, a tratti crudo, che lascerà lo spettatore scosso, ma allo stesso tempo arricchito da una nuova consapevolezza: lo stalking esiste, è sempre esistito, ma spesso non viene riconosciuto.

 

“Lo stalker ama. – dice Brancaccio –  Poi, succede qualcosa. Un rifiuto, un allontanamento, e la follia prende il sopravvento”.

Con l’aiuto dei maggiori professionisti del settore, come il noto psichiatra e sociologo Paolo Crepet o la psicologa e criminologa Roberta Bruzzone, e con lo psichiatra Raffaele Sperandeo si cercherà di indagare il profilo del carnefice, ma  anche di approfondire quello delle vittime delle quali si ascolteranno, dalle loro voci,  le storie vere di paura, terrore e incubo. Storie commoventi, terribili, spesso vicine ad un epilogo drammatico.