Cava de’ Tirreni, domani la prima iniziativa sull’alta via dei Monti Lattari

280

monti-lattari-2Un sentiero lungo 100km, che percorre 15 Comuni, sulla vetta dei Monti Lattari, dalla località Frestola al’ombra della monumentale Abbazia Benedettina SS. Trinità di Cava de’ Tirreni, a Punta Campanella.

Questo il percorso che l’Amministrazione Servalli, in particolare l’Assessorato all’Ambiente, nell’ambito delle iniziative del programma “Green Valley”, intende valorizzare e rendere fruibile, attivando una sinergia con i Comuni interessati, con il coinvolgimento del Cai, (Club Alpino Italiano), Lega Ambiente, il Parco dei Monti Lattari e le associazioni ambientalistiche interessate.

La prima iniziativa partirà domani, venerdì 28 ottobre, alle ore 23.00, organizzata dal Team Animatrail di Cava de’ Tirreni, con il patrocinio del Comune metelliano, con una spedizione cui parteciperanno gli amanti della montagna e degli atleti appassionati della natura che giungeranno anche dal Trevigiano.

Si partirà da Termini passando per il faro di Punta Campanella, proseguendo alla volta della Conocchia sopra Positano verso il Monte Cerreto, Valico di Chiunzi, Monte Finestra e, finalmente, alla Badia di Cava coincidente con la fine dell’Alta Via.

utml-2017-altimetria-e-road-map-prima-e-seconda-tappa-termini-valico-di-chiunzi-green-valley-1La carovana del Team Animatrail, continuerà la camminata proseguendo per il versante orientale della Green Valley percorrendo l’intero tratto da S. Liberatore al Monte Caruso fino a raggiungere la distanza di 100 Km. con 6300 metri di dislivello positivo totale. L’arrivo è previsto, dopo circa 24 ore dalla partenza, presso il campetto della località S. Anna di Cava de’Tirreni.

“Questo vero è proprio evento della montagna – afferma il vicesindaco Nunzio Senatore – è propedeutico ad un progetto che vogliamo lanciare per rendere questo sentiero una vera e propria via  entusiasmante per la bellezza incomparabile del paesaggio della costiera amalfitana sorrentina e che può diventare una risorsa turistica con risvolti anche economici per la ricca offerta dei prodotti tipici locali da quelli enogastronomici all’artigianato”.

Share