Tutti contro tutti nella guerra tra clan per il controllo degli “affari” in città

stesa napoliGli investigatori della squadra mobile della Questura di Napoli non avrebbero più dubbi: la guerra di camorra che attualmente sta interessando Fuorigrotta, Pianura e Soccavo vedrebbe sul campo gli storici Puccinelli–Petrone del Rione Traiano contro gli emergenti Vigilia–Sorianiello.

Motivo principale del conflitto il controllo delle piazze di spaccio sul territorio. Il business più ricco per il sistema, quello che consente grazie alle enormi cifre guadagnate di affiliare un numero maggiore di individui potenziando i gruppi di fuoco dei clan. Raid armati e stese ormai non si contano nella zona: stese effettuate secondo alcune indiscrezioni da individui giovani a volto scoperto, a bordo di potenti scooter e moto. Un particolare che la dice lunga sulla spavalderia di chi sfida apertamente le forze dell’ordine, forte di una sub cultura indegna di una società civile.

E si va oltre: pare infatti che in alcuni casi esponenti del clan Mazzarella (originario di San Giovanni a Teduccio e presente nel centro storico di Napoli) abbiano voluto  sfidare le unità della sezione speciale Falchi della questura di Napoli intercettando le moto degli agenti in borghese e aprendo ripetutamente il fuoco contro i poliziotti. Un delirio di violenza senza fine, l’affermazione territoriale dell’anarchia violenta e della più oscura ignoranza.

Ormai a Napoli è difficile per gli inquirenti tracciare una mappa criminale dettagliata perché  alleanze sotto banco e nuovi clan rendono il puzzle oltremodo complesso da comporre.

Gruppi camorristici storicamente alleati improvvisamente nemici, giovani affiliati artefici di  continue scissioni dai clan per sete di potere come avvenuto per il ras di Cavalleggeri, Alessandro Giannelli (attualmente detenuto), una volta pedina del  clan D’Ausilio di Bagnoli e oggi loro acerrimo rivale.

A complicare ulteriormente una già drammatica realtà la voglia di emulare i boss sullo stile della fiction a tema “Gomorra” da parte di ragazzi poco più che adolescenti anche della Napoli bene.

Il desiderio di emergere nel gruppo, di comandare invece di subire sempre le angherie della strada, di essere temuti spinge i giovani ad entrare in contatto con la camorra. Poche centinaia di euro, uno scooter, un attimo di falsa celebrità per poi finire per anni in carcere o morti ammazzati in strada.

Un dato raccapricciante che testimonia però fedelmente la realtà in cui vivono le nuove leve partenopee e l’abisso in cui inesorabilmente finisce chi crede di poter sostituire alla Sovranità dello Stato la folle e violenta logica della camorra.

Alfonso Maria Liguori

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteFurti lampo di scooter in 50 secondi. La banda tradita da una telefonata -VIDEO-
SuccessivoLa “Silent Disco” sbarca a Castellammare di Stabia
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.