Controlli dei carabinieri nella Terra dei Fuochi: decine di sequestri e denunce nel nolano

460

opificio-2-1Importantissima operazione questa mattina dei carabinieri in tutta l’area della Terra dei Fuochi. Nelle province di Napoli e Caserta ci sono state decine e decine di denunce e sequestri che hanno coinvolto tanti Comuni di qualsiasi grandezza. Ecco tutti i dettagli dell’operazione.

Tra San Vitaliano, Pomigliano, Somma e Acerra, alcuni autolavaggi sversavano illegalmente e officine senza autorizzazione e così i carabinieri della Compagnia di Castello di Cisterna hanno sequestrato: 2 autolavaggi a San Vitaliano e ad Acerra, sprovvisti delle autorizzazioni per lo sversamento di rifiuti nelle fogne; 2 autofficine a Pomigliano D’Arco e Somma Vesuviana sprovviste delle autorizzazioni per esercitare la professione; e fatto alcune denunce per abusivismo edilizio e sanzioni per sfruttamento del lavoro nero.

Nel nolano, invece, era presente un opificio con clandestino, mentre un carrozziere e meccanico stoccavano illegalmente rottami senza le dovute autorizzazioni. Infine, un gommista teneva “male” il registro di carico e scarico. Per questo motivo i carabinieri della compagnia di Nola hanno denunciato: un 41enne bengalese titolare di opificio che occupava alle sue dipendenze uno straniero in stato di clandestinità; il titolare 62enne di una carrozzeria a Piazzolla di Nola che non aveva l’autorizzazione ad immettere in fogna le acque reflue e aveva realizzato una discarica abusiva nelle pertinenze dell’attività, dove erano raccolti rifiuti speciali, pericolosi e non. Inoltre non aveva il certificato per le emissioni dei fumi in atmosfera ed esercitava l’attività senza essere iscritto all’albo delle imprese artigiane. L’area è stata sottoposta a sequestro.

Allo stesso tempo è stato sanzionato un 47enne titolare di un’officina meccanica a Cicciano che teneva numerose parti di motore di provenienza e rifiuti ferrosi abbandonati; era sprovvisto delle autorizzazioni per l’immissione in fogna dei reflui e produceva emissioni in atmosfera senza autorizzazione; l’area è stata sequestrata. Sono state comminate sanzioni per un 50enne di nola titolare di una ditta di vendita e riparazione pneumatici, che teneva il registro di carico e scarico in maniera incompleta e per il titolare 28enne di un deposito di gpl a Roccarainola era sprovvisto del documento di valutazione dei rischi.

Leggi anche : https://www.ilgazzettinovesuviano.com/2016/11/02/terra-dei-fuochi-nuovi-blitz-dei-carabinieri-nelle-attivita-commerciali/

Share