“N’Albero” a Napoli, infuriano le polemiche: spreco o attrattiva?

504

nalbero-napoliInfuriano le polemiche sulla decisione del Comune di Napoli di autorizzare l’istallazione alla rotonda Diaz di una piramide a forma di albero natalizio denominata “N’Albero”. Un’iniziativa che secondo i Verdi, nelle persone del consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e dei consiglieri comunali Stefano Buono e Marco Gaudini, regalerà alla città 300 piante oltre alla cifra di 100mila euro per l’occupazione del suolo pubblico. Contestazioni quindi infondate per lo schieramento di Borrelli che vede al contrario nell’iniziativa enormi benefici per la città promettendo nel contempo massima attenzione nel monitoraggio della corretta realizzazione dell’opera.

“Saremo particolarmente vigili a che le piante utilizzate – ha commentato il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli – restino in vita per tutto il progetto per poi essere ripiantate nei vari quartieri di Napoli. Non comprendiamo quindi il significato della protesta messa in essere da chi per anni ha taciuto dinanzi a situazioni ben più gravi, a cominciare dagli abusi edilizi che hanno scempiato la città. Una polemica fine a se stessa che non ha nulla a che fare con la tutela dell’ambiente ne con il benessere della comunità”.

A queste dichiarazioni fanno eco le parole di Pasquale Aumenta, fondatore della società “Italstage”, ideatrice del progetto: “La struttura N’Albero da realizzare alla Rotonda Diaz vuole essere un’occasione concreta per attirare in città migliaia di visitatori a costo zero per la città. Puntiamo a superare le 100mila presenze: l’ iniziativa susciterà notevole interesse a livello internazionale riaccendendo i riflettori in positivo sull’immagine della città. Il tutto sempre nel rispetto delle leggi, delle istituzioni competenti e della salvaguardia ambientale dei luoghi. La risposta degli sponsor è stata eccezionale così come la qualità del materiale, proveniente direttamente dalla Germania, con il quale sarà realizzata la base della piramide.

Dalla Norvegia invece arriverà l’ascensore che consentirà ai visitatori di ammirare il panorama da diverse altezze della struttura (si parla di 4, 8 e 30 metri). Siamo certi della riuscita di un’iniziativa che farà onore a Napoli segnando l’inizio, ci auguriamo tutti, di progetti destinati ad apportare benessere e lavoro in città. Al bando quindi le polemiche inutili, le invidie e gli allarmismi infondati costati già alla città negli anni un prezzo altissimo”.

A giudicare dalla mole del progetto e dalla professionalità di chi lo porrà in essere i presupposti per un successo ci sono tutti: i napoletani dovranno ora dare prova di civiltà e collaborazione con gli organizzatori e l’Ente Comune al fine di contribuire al felice esito di un avvenimento destinato forse a cambiare il volto del Natale a Napoli.

Alfonso Maria Liguori

Share
Condividi
PrecedenteConfisca per “La Sonrisa”, i Verdi: “Nessuno sconto, abbattimento e subito un parco”
SuccessivoI Rettori dei santuari italiani si incontrano a Pompei
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.