Ercolano ci riprova: è finalista come Capitale italiana della cultura 2018

411

Ercolano ScaviErcolano, Alghero, Aquileia, Comacchio, Erice, Montebelluna, Palermo, Recanati, Settimo Torinese e Trento. Sono queste le 10 città finaliste per il titolo di Capitale italiana della cultura per il 2018 scelte all’unanimità dalla giuria presieduta da Stefano Baia Curioni tra le 21 città partecipanti. Alla vincitrice verrà assegnato un contributo di 1 milione di euro.

“L’ingresso tra le finaliste per il titolo di Capitale Italiana della Cultura 2018 è la conferma di un percorso che abbiamo intrapreso per la valorizzazione del nostro territorio. – ha detto il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto – La nostra partecipazione quest’anno ha una ragione ben precisa: coinvolgere ragazzi, adulti e associazioni del territorio intorno al nostro inestimabile patrimonio naturale, storico e culturale. Non dimentico l’entusiasmo che si è creato intorno alla nostra città durante la fase finale della passata edizione: tanti ercolanesi hanno scoperto di vivere in un gioiello unico al mondo, senza considerare che fondazioni, enti e università di mezzo mondo hanno ufficialmente sostenuto la nostra candidatura.

L’accesso in finale per il 2018 è la conferma del buon lavoro svolto in quest’anno: abbiamo avviato una ercolano-capitale-cultura-2018innovativa rassegna culturale come Eruzioni Festival, abbiamo riaperto dopo anni il Parco sul Mare di Villa Favorita e un’area verde comunale all’interno del complesso degli Scavi, il Parco archeologico è divenuto scenario di straordinarie visite notturne, abbiamo portato un presidio di legalità in cima al Vesuvio cacciando ambulanti e abusivi, sono stati completamente chiusi tutti gli scarichi a mare e tanto abbiamo ancora in cantiere per aiutare la città a riscoprire la sua vocazione turistica.

Ripartiamo dall’entusiasmo della precedente candidatura consapevoli che la sfida ed anche l’eventuale titolo di Capitale della Cultura per noi rappresentano un trampolino di lancio verso l’uscita definitiva da una crisi e verso la piena consapevolezza di vivere in uno dei posti più belli del mondo”.

Share