Prosciolto dall’accusa di spaccio, rinviato a giudizio per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale

tribunale_3Al momento dell’identificazione, l’uomo, dopo aver innescato una colluttazione coi militari, riuscì a dileguarsi nella zona del “Cavone”, a ridosso di piazza Dante, facendo perdere così le sue tracce.

Individuato successivamente dagli investigatori, secondo i quali  lo stupefacente detenuto era destinato allo spaccio, l’imputato, difeso dall’avvocato Francesco Pugliese, è stato prosciolto dalla relativa accusa.

Stamattina, davanti al Tribunale di Napoli, si è tenuta l’udienza del processo in cui dovrà rispondere dei reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
Precedente“Cantami o diva” al teatro Bolivar. Un rifacimento in chiave moderna dell’Orestea
SuccessivoRenzi su De Luca “Parole sbagliate”, e lui si scusa con la Bindi
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.