Savoia – Portici: 0-1 prima caduta stagionale per i bianchi

305

savoia

 

Dopo la splendida prestazione contro l’Albanova, gli uomini  di coach Fabiano sono chiamati a uno dei match più importanti di questa stagione. Il Savoia infatti,in una domenica pomeriggio di Novembre, ospita il Portici, squadra terza in classifica e famosa per essere una delle squadre più difficile d’affrontare in questo periodo.

 

I bianchi si presentano con un 4-3-3 con un tridente offensivo che dovrà fare a meno dal primo minuto di Claudio De Rosa, uno dei migliori attaccanti di questi ultimi mesi, il quale starà in panchina per cedere il posto al giovane Tulimieri.  Il Portici invece può contare su una formazione che al momento è in un’ottima forma fisica e sicuramente in piena euforia per gli ottimi risultati fin ora ottenuti.

 

 

La Partita – I momenti preliminari al fischio d’inizio sembrano molto euforici, con la curva del Savoia che non si risparmia in termini fumogeni e cori a favore dei proprio giocatori.

Sin dai primi minuti di gioco l’euforia negli spalti sembra trasmettersi anche sul terreno di gioco, dove entrambe le formazioni non badano allo studiarsi a vicenda e passano subito ad un pressing dai ritmi alti. Il Savoia sembra però uscirne in maniera soddisfacente e ha un leggero margine di vantaggio sul possesso palla, effettuandolo in maniera più composto e organizzato.

 

La partita sembrava essersi rilassata dai precedenti ritmi frenetici all’avvio, ma al 9′, come un fulmine a ciel sereno, arriva il vantaggio del Portici. L’azione del vantaggio avversario si sviluppa velocemente dalla retroguardia, che con un lancio lungo cambia subito versante di gioco e riesce a trovare il bomber Fava, il quale controlla di destro in area e con lo stesso piede colpisce violentemente la sfera sul primo palo. E’ 0-1 per il Portici, colpevole la leggerezza della difesa torrese, che lascia troppo spazio a Fava, il quale punisce di destro i padroni di casa.

 

Passano soltanto 4 minuti dal vantaggio di Fava, che il Portici si dimostra ancora pericoloso, questa volta è un’azione di Manzo, che dalla sinistra serve rasoterra, ma Guarro fa buona guardia e spazza via come può la sfera. E’ un botta e risposta tra le parti, questa volta a rendersi pericoloso infatti è il Savoia, che con Sibilli, che tira dalla lunga distanza impegnando Testa alla respinta, trova la prima conclusione della partita.

 

La partita si dimostra molto combattuta, dopo i primi 15 minuti iniziale le squadre rallentano i ritmi di gioco e prendono le rispettive misure. Il Savoia cerca di costruire la propria manovra attraverso un fraseggio che parte dalla difesa, ma il giro palla dei bianchi è troppo lento e prevedibile per il Portici, che fa buona guardia e non si scompone.

 

La partita inizia pian piano ad innervosirsi, negli ultimi minuti i contrasti diventano sempre più duri e l’arbitro di gara è costretto a richiamare spesso i giocatori all’ordine. Nonostante ciò, dal punto di vista del gioco, le occasioni latitano e il primo tempo finisce senza altri sussulti particolari.

 

La ripresa si apre subito bene per il Portici. La squadra di mister Borrelli, al 6′ infatti una veloce ripartenza scaturita da Fava, il quale verticalizza per Olivieri, che conclude di destro ad incrociare ma Gallo non si fa trovare distratto e respinge in corner. Portici velenosissimo in contropiede. Per i tifosi che si aspettavano un Savoia diverso nella ripresa, la delusione è forte. I bianchi infatti non riescono a cambiare il senso della gara, risultando sempre lenti e macchinosi e senza arrivare a concludere nella porta difesa da Testa.

 

L’unica azione degna di nota del secondo tempo si sviluppa al  26′ su di un capovolgimento di fronte, Esposito scatta sulla fascia sinistra e con un traversone trova la testa di De Rosa, subentrato a Tulimieri in corso di gara, il quale non colpisce bene di testa e manda la sfera alta sulla traversa. Occasione d’oro sprecata per il Savoia, che non riesce a scardinare il muro messo su dagli avversari.

 

Al 28′ Sibilli complica ancora di più il pomeriggio ai suoi compagni, facendosi ammonire per la seconda volta e rimediando così un’espulsione che pregiudica le poche possibilità di rimonta del Savoia. Coach Fabiano le prova tutte, facendo entrare Moxedano e Grimaldi per dare una maggior spinta offensiva, ma la squadra non gira.

 

La gara termina dopo 5 minuti di recupero. Lo sconforto è tanto sia tra i giocatori, colpevoli di aver dato luce ad una prestazione scialba e priva di spirito agonistico, e sia tra i tifosi, i quali hanno assistito a più di 90 minuti di gioco molto noiosi e ai limiti di ciò che dovrebbe essere il calcio, cioè divertimento.

 

 

Con questo primo scivolone, tra l’altro tra le proprie mura domestiche, il Savoia è secondo, distaccato per una sola lunghezza dal San Giorgio primo in classifica. Il Portici invece è sempre terzo, ma stavolta a solo -1. La vetta si restringe ed ogni gara diventa importantissima, in vista al prossimo mercato invernale, dove il Savoia necessita urgentemente di rinforzi.

 

 

 

 

TABELLINO DELLA GARA:

 

U.S. SAVOIA 1908 —  PORTICI: 0 — 1

 

U.S. SAVOIA 1908:  Gallo, Adamo (’99), Castaldo, Guarro, De Falco (’97); Prevete, Sibilli, Castellano (dal 14’st De Rosa); Onda (’98) (dal 39’st Grimaldi G.), Esposito, Tulimieri (dal 33’st Moxedano). A disposizione:Formisano, Lucignano, Rocchino (’99), Moxedano, Infimo, Grimaldi G. (’99), De Rosa. Allenatore: Fabiano

 

PORTICI: Testa (’98), Visone (’97), Follera, Fiorillo, Boussada (’99); Ruscio, Olivieri, Sardo (dal 17’st Murolo); Panico, Fava (dal 35’st Incoronato), Manzo (dal 28’st Scielzo). A disposizione: Mola (’99), Ragosta, Scielzo, Murolo, Rullo (’98), Franci (’99), Incoronato. Allenatore: Borrelli.

 

Arbitro:Casalini di Pontedera.

 

AMMONITI: Boussada (Po), Testa (Po), Castellano (Sa), Ruscio (Po), Sibilli (Sa)

ESPULSI: Sibilli (Sa)

 

 

Marco Ametrano