Sfiducia a De Luca, maggioranza pronta a discutere: il centrodestra prende tempo

323

vincenzo de luca“Stamattina, nella conferenza dei capigruppo, abbiamo avuto la conferma che le mozioni di sfiducia al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca presentate dalle opposizioni non hanno alcun fondamento se non la voglia di alzare inutili polveroni”. Lo ha detto il presidente del gruppo consiliare Campania libera, Psi e Davvero Verdi, Francesco Emilio Borrelli, spiegando che “nel corso della riunione della conferenza, il vice presidente Casillo ha comunicato che il Consiglio poteva essere convocato per la discussione delle mozioni mercoledì 7 dicembre e sulla data c’era anche la disponibilità di De Luca a partecipare ai lavori”.

“A quel punto, da Caldoro è arrivato uno stop perché la data era troppo vicina” ha aggiunto Borrelli sottolineando che “lo stesso Caldoro ha poi chiesto 24 ore di riflessione per dare una risposta, introducendo una novità assoluta nella conferenza dei capigruppo dove mai, prima di ora, non si era riusciti a calendarizzare una riunione del Consiglio regionale”.

“A questo punto o le mozioni di sfiducia erano veramente prive del benché minimo fondamento e quindi hanno bisogno di tempo per trovare una motivazione che non appaia del tutto priva di senso e ridicola o i consiglieri di opposizione, specie quelli del centrodestra, temono che, così come ho chiesto, la discussione sulla mozione di sfiducia a De Luca possa spostarsi anche a temi ben più seri come quello della conferma della richiesta di arresto per il sindaco di Scafati, Aliberti, fedelissimo di alcuni consiglieri regionali di Forza Italia e marito della consigliera Monica Paolino nell’ambito di un’inchiesta su voti controllati dai clan alle ultime elezioni regionali” ha concluso Borrelli per il quale “è assurdo che, nel giro di un anno, si discutano mozioni di sfiducia al presidente della Regione senza che siano accadute cose politiche, amministrative o giudiziarie che richiedano un atto così importante da parte del Consiglio, facendo perdere tempo prezioso che potrebbe essere dedicato a discutere di temi che interessano davvero ai campani”.