Napoli: la chiusura della campagna #IodicoNo del movimento 5 stelle

movimento

La lingua del teatro per ribadire le ragioni del “No” alla riforma della Carta Costituzionale. E’ l’iniziativa del Movimento 5 Stelle che domani sera, 1 dicembre, alle 18.30, chiuderà la campagna referendaria regionale con una serata-evento nel Complesso Monumentale di Santa Chiara a Napoli.

In quelle stesse ore si conclude anche il viaggio del “Camper Tour #IoDicoNo”, a bordo del quale parlamentari, portavoce e attivisti M5S hanno attraversato l’intero territorio regionale, percorrendo oltre seimila chilometri e facendo tappa in 150 comuni, dove hanno illustrato il contenuto di una riforma “che mira – sostengono i referenti regionali del tour #IoDicoNo, il senatore Sergio Puglia e la consigliera regionale Valeria Ciarambino – a sottrarre sovranità al popolo, limitandone la partecipazione attraverso un Senato di nominati e una concentrazione di potere in capo a pochi, oltre che a complicare il processo di formazione delle leggi”.

Alla serata di chiusura, presentata dall’attore Patrizio Rispo, che leggerà brani della Costituzione Italiana, interverranno, accanto ai referenti regionali Puglia e Ciarambino, i parlamentari Luigi Di Maio, Roberto Fico, Angelo Tofalo, Andrea Cioffi, Vilma Moronese, Salvatore Micillo e Paola Nugnes, i consiglieri regionali Tommaso Malerba, Gennaro Saiello, Michele Cammarano, Luigi Cirillo, Maria Muscarà e Vincenzo Viglione, i consiglieri comunali di Napoli Francesca Menna e Matteo Brambilla, il consigliere della Città Metropolitana Danilo Cascone, il consigliere comunale di Ercolano Gennaro Cozzolino, e i costituzionalisti Ugo Grassi e Raffaele Manfrellotti.

Nel corso della serata, parlamentari e portavoce svestiranno i loro abiti istituzionali, per indossare quelli di interpreti per una sera di brevi testi teatrali creati o adattati con l’obiettivo di dare maggiore forza alle argomentazioni a difesa della nostra Carta Costituzionale.

Sul palco allestito nel Complesso Monumentale di Santa Chiara, saranno messi in scena un estratto dello spettacolo “Il grido della Costituzione”, ideato e sceneggiato dagli attivisti M5S di Sant’Antonio Abate, il testo originale del maestro Alfonso Volpe “Con un No ti impicci e con un Sì ti spicci”, la poesia “’O No è ‘na livella”, da una rivisitazione dei celebri versi di Antonio De Curtis.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedentePane, mozzarelle e supermarket della camorra: gli affari del clan Mallardo
SuccessivoIl Napoli di novembre è un mix tra dubbi, certezze perse e ritrovate
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.