“Pompei per Tutti”: l’inaugurazione del nuovo percorso degli Scavi Archeologici

507

pompei-per-tutti-2Si è tenuta oggi presso gli Scavi Archeologici di Pompei l’inaugurazione di “Pompei per Tutti”: presenti il ministro alla Cultura Dario Franceschini, il soprintendente Massimo Osanna e il direttore del Grande Progetto Pompei Luigi Curatoli. Si tratta di un nuovo percorso nel parco archeologico di Pompei di 3 chilometri tra domus e antiche costruzioni, il primo libero da barriere architettoniche. Alla presentazione ci sono anche numerose associazioni per i diritti delle persone con disabilità come FISH onlus (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, INMACI (Istituto Nazionale Mobilità Autonoma Ciechi e Ipovedenti) il Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa e il centro sociale polivalente “Anni d’Argento” del comune di Gragnano.

“Per la prima volta si vede un sito complesso come quello di Pompei confrontarsi – ha detto Osanna – con una sfida straordinaria: renderlo accessibile a tutti. E’ la nostra filosofia portata avanti in questi anni insieme al Governo: Pompei città aperta, un luogo straordinario che è di tutta l’umanità e non può essere negato a nessuno”.

disabili-scaviPresentato anche il braccialetto “Con me”: per aiutare, soccorrere e monitorare gli utenti disabili. Il progetto, ancora in fase sperimentale donerà alle persone in difficoltà un esperienza sicura e più gradevole all’interno dell’immenso parco archeologico.

“Il grande Bernard Shaw – ha affermato il direttore Luigi Curatoli – diceva ‘Si usa uno specchio di vetro per guardare il viso e si usano le opere d’arte per guardare la propria anima’. Le opere d’arte, dunque, devono essere a disposizione di tutti, oltre ogni ostacolo”.

“Una giornata molto importante, ringrazio tutte le autorità presenti. – ha detto Franceschini – La collaborazione che si è avuta tra Ministero, Soprintendenza e Gpp dimostra che in Italia quando si riesce a fare squadra si raggiungono risultati complicati. Pompei ha superato da qualche settimana i tre milioni di visitatori in un anno ed il numero è destinato a crescere perché Pompei è un luogo che tutti, almeno una volta nella vita, vogliono vedere. Ciò avviene per le emozioni che dà, per la bellezza straordinaria di questo sito archeologico. Purtroppo non tutti potevano venire a vedere Pompei: una città di duemila anni fa è piena di barriere architettoniche e molte persone, nei decenni, non hanno avuto la possibilità di visitarla. Oggi è possibile ed è un grande passo di civiltà, si consente alle persone con disabilità di visitare quasi tutto il sito”.

A Pompei per la prima volta i “crolli” fanno sì che gli scavi finiscano sotto i riflettori per qualcosa di positivo, perchè stavolta, col percorso “Pompei per tutti” a crollare sono le barriere architettoniche.

Raffaele Cirillo

Francesco Ferrigno