Arriva il gelo, le allerte della protezione civile e della Gori

453

neveCome le previsioni preannunciavano, è arrivato il freddo, quello a cui i paesi che si affacciano sul Mediterraneo non sono abituati. Questa volta i meteorologi non hanno preso un granchio, gelo e freddo preannunciato e gelo e freddo arrivato.


Le temperature, negli ultimi giorni di dicembre, già si sono irrigidite; sono previsti ulteriori cali, fino al -6, nelle prossime ore. Freddo che si protrarrà fino a domenica 8. I social, ormai diffusori per antonomasia delle notizie, abbondano di messaggi di allerta. I sindaci sulle loro bacheche raccomandano attenzione e dispensano piccoli rimedi per non trovarsi nella spiacevole situazione di non avere acqua. La Protezione Civile fa il suo, raccomanda di spostarsi il minimo indispensabile, specie se non si dispone di pneumatici al ghiaccio e alla neve adibiti. La stessa Gori, ente che si occupa della gestione del servizio idrico, stila una serie di consigli per non rimanere beffati dalle conseguenze del freddo non tanto inaspettato.

Già successe nella notte di San Silvestro datata 2013: ci si risvegliò avvolti dal bianco della neve. Suoni ovattati, silenzio a cui non si è abituati. Lo stupore regnò fino a quando alcuni cittadini dei paesi dei Lattari si accorsero di non avere acqua. Le tubature, esposte alla neve e al gelo della notte, si erano ghiacciate. E per ripristinare il servizio idrico servirono un paio di giorni. I cittadini, tra cui chi scrive, le provarono tutte, da lembi di stoffa termica sulle tubature all’estremo passaggio di aria calda da phon sui rubinetti. Oltre all’acqua, altro intoppo è causato dall’energia elettrica che potrebbe mancare.

Sarà veramente il caso di seguire alla lettere ogni indicazione fornita dagli enti preposti.

La Protezione Civile di Gragnano condivide con i suoi seguaci le raccomandazioni della Protezione Civile della Regione Campania. Direttive per chi detiene bestiame, direttive ai comuni per attrezzarsi all’ausilio da prestare ai senza fissa dimora, alle organizzazioni locali per accertarsi di poter attuare ogni

neve-lettere-zL’ente Gori Spa ha diffuso il comunicato sul come proteggere i contatori e l’impianto idraulico privato. Dall’isolare con materiale termico i contatori esposti all’esterno al lasciar scorrere durante la notte, quando le temperature scendono ulteriormente, un filino d’acqua dai rubinetti, onde evitare che l’acqua si congeli.

Non sono mancati i comunicati dei sindaci che, godendo del seguito via social dei loro cittadini, hanno ripreso le comunicazioni di allerta summenzionate e le hanno diffuse e condivise. Tra loro il sindaco di Gragnano, Paolo Cimmino.

Resta da aspettare che il freddo polare passi non creando troppi danni affinché della neve si possa ricordare solo il bianco tepore e le battaglie a suon di palle fredde.

Anna Di Nola