Castellammare, maxi-furto al Liceo Scientifico “Severi”: indagini in corso

752

Brutta sorpresa questa mattina per personale e studenti del Liceo Scientifico “Francesco Severi” di Castellammare di Stabia.

Stando alle prime informazioni nel corso della notte sarebbe avvenuto un furto all’interno dei locali della scuola.

Il bottino sarebbe ingente in termini di attrezzature informatiche ed altro tanto che, come confermato anche dalla preside, si aggira sui 30mila euro. La scuola, per tutto il periodo estivo (ma anche negli anni scorsi), ha usufruito dei fondi europei per poter mettere in sicurezza l’istituto: le aule sono state migliorate ed è stato piazzato un nuovo sistema di videosorveglianza attivo 24 ore su 24. Nella scuola, inoltre, è presente anche l’abitazione del custode.

Tuttavia, secondo le prime ricostruzioni, i rapinatori conoscevano nel migliore dei modi il sistema di videosorveglianza considerato che sono stati capaci di entrare senza far scattare neanche l’allarme. La preside Sannoner e i carabinieri non escludono che qualcuno interno alla scuola avrebbe favorito l’ingresso nella struttura ai ladri.

I malviventi, comunque, sarebbero penetrati anche nei locali della dirigenza e nelle aule che portavano i segni dei vandalismi. Dopo diversi minuti di agitazione da parte degli studenti (solamente del secondo piano, quello colpito dai furti), questi ultimi sono rientrati nelle aule per svolgere le lezioni.

In totale ad essere rubati sarebbero stati oltre trenta computer non di ultimissima generazione al primo e al secondo piano e sarebbero spariti anche dei documenti negli uffici. Proiettori ed altro materiale non sono stati toccati dai delinquenti. I laboratori, comunque, non sono stati interessati della rapina a causa delle porte blindate che non hanno permesso l’ingresso ai rapinatori.

Al lavoro ci sono le forze dell’ordine di Castellammare: i carabinieri della locale compagnia sono appena giunti sul posto. In questi minuti i militari stanno visionando i filmati ed è probabile che li acquisiranno per dare il via all’inchiesta. Grande delusione espressa anche dall’amministrazione comunale con il sindaco Pannullo e il presidente del consiglio comunale Melisse che questa mattina erano presenti nell’auditorium della struttura per un convegno “BaCk to School” (sensibilizzazione alle patologie cardiovascolari).

Share