Caso Cantone, video ancora in rete. Il Garante per la Privacy attacca Google e Yahoo

Non c’è pace per Tiziana Cantone. La 31enne, che si è tolta la vita qualche mese fa per la diffusione dei suoi video hard sul web, secondo quanto riscontrato dal Garante per la Privacy, risulta essere ancora indicizzata sui maggiori motori di ricerca, Google e Yahoo.

In poche parole significa che se si prova a fare una ricerca con il nome “Tiziana Cantone”, è possibile trovare i suoi video, violando un ordine del tribunale di Napoli.

Per questo motivo, i legali della famiglia Cantone e anche il Garante per la Privacy stanno pressando i due maggiori motori di ricerca internazionale proprio per eliminare qualsiasi riferimento alla ragazza. L’oblio, come si può vedere, è molto difficile da raggiungere. I video incriminati, infatti, sono stati diffusi in tutto il web e Google e Yahoo al momento non riescono a bloccare questo fenomeno.

Intanto continuano le indagini presso il Tribunale di Napoli. E’ stato finalmente sbloccato il telefono della ragazza e quello del suo ex ragazzo, colpevole di aver diffuso i filmati sul web. La vergogna per questi video, che in breve tempo sono diventati famosi in tutto il web tanto che anche molti comici, senza il minimo rispetto, li hanno presi in considerazione per compiere le loro parodie, è stata troppa per Tiziana Cantone.

La 31enne, dopo un primo shock, era quasi stata in grado di uscire da questa situazione cercando di cambiare casa e anche lavoro ma non è bastato. Il suo volto, probabilmente, veniva ancora riconosciuto. Ed è per questo motivo che la donna, stanca di tutte le offese e stanca di questa situazione insostenibile, ha deciso di togliersi la vita nello scorso autunno eliminando così la vergogna. L’oblio, però, è ancora lontano.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteNapoli, spari contro “Poppella”. Roberto Saviano: “Lo Stato nella sua inerzia è connivente”
SuccessivoRegione, M5s: “Scandalo Q8, subito audizione in Commissione Ambiente”
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.