A Salerno arriva la carrozza di Ecopneus: una città di gomma riciclata

405

Una intera città di gomma, con aree gioco, piste ciclabili, panchine e tutti i suppellettili immaginabili; il tutto, a bordo della carrozza di Treno Verde, storica campagna di Legambiente. Ci troviamo a Salerno. Lungimirante fu Gianni Rodari con il suo “Giovannino Perdigiorno”, la filastrocca che raccontava le avventure del ragazzino in giro per il mondo alla ricerca di posti incredibili, tra cui il suo viaggio nel paese degli uomini di gomma.

Se Gianni Rodari ne avesse scritto oggi la storia, Giovannino si sarebbe fermato alla “città ideale di Ecopneus”, dove ad essere fatti di gomma riciclata non sono i suoi abitanti, ma aree gioco colorate, campi di calcio, asfalti silenziosi, superfici per lo sport, panchine, arredi e piste ciclabili.

E non occorre la fantasia per visitarla. I nuovi Giovannino, adulti e bambini, potranno toccarla con mano nella carrozza allestita da Ecopneus all’interno del Treno Verde, la storica campagna itinerante di Legambiente che fino al 31 marzo toccherà 12 città italiane.

La terza carrozza del convoglio è infatti dedicata interamente alla filiera del recupero e riciclo dei Pneumatici Fuori Uso (PFU), di cui in Italia Ecopneus è tra i principali responsabili gestendo mediamente 250.000 tonnellate di PFU ogni anno, che – rimanendo in tema – equivalgono in peso a oltre 500 treni ad alta velocità.

La città ideale proposta da Ecopneus prevede, a terra, una confortevole pavimentazione anti trauma realizzata con oltre 1.000 kg di gomma riciclata dai Pneumatici Fuori Uso, sagomata e colorata per ricrearne alcune delle sue principali applicazioni, come ad esempio campi da tennis, piste ciclabili e per l’atletica. Sulle pareti, illustrazioni, giochi e installazioni con cui grandi e piccoli potranno seguire un percorso educativo per toccare con mano l’importanza di un corretto riciclo dei PFU e le molteplici applicazioni della gomma riciclata.

E se la gomma riciclata nel Treno Verde trova applicazione nella nostra città ideale, in quelle che viviamo ogni giorno è una preziosa risorsa in molti settori come gli asfalti, rendendoli più silenziosi, durevoli e sicuri; nell’edilizia grazie alle ottime proprietà fonoassorbenti e antivibranti; nello sport, dove garantisce l’ottimale risposta elastica per l’atleta, la capacità di assorbimento degli urti, la resistenza alle deformazioni e agli agenti atmosferici.

Tante valide soluzioni rese possibili dalle quotidiane attività di raccolta dei PFU di Ecopneus, che hanno consentito di recuperare nel 2016 presso oltre 1.700 “gommisti” in tutta la Campania oltre 20.300 tonnellate di Pneumatici Fuori Uso: equivalenti in peso a oltre 2,2 milioni di pneumatici da autovettura, se li mettessimo in fila formerebbero una “striscia” lunga 1.100 km, la distanza tra Napoli e Monaco di Baviera.

Una concreta testimonianza di economia circolare e delle innumerevoli possibilità di impiego della gomma riciclata sono ad esempio il campo da calcetto e quello da tennis realizzati lo scorso anno a Pollica (SA) grazie alla gomma riciclata di 18.000 Pneumatici Fuori Uso. Testimonianza presente anche a Gragnano con un campetto di calcio.

Così Giovanni Corbetta, direttore generale di Ecopneus: “La Campania racchiude diverse esperienze positive in questo senso, come quella di Pollica; ma anche i campi realizzati a Gragnano e Afragola e i concorsi legati ai progetti educational per gli studenti, che donano una nuove superficie sportiva ad una scuola del territorioMostrare concretamente che un prodotto a fine vita, se correttamente gestito, diventa una risorsa di nuovo utile per tutta la collettività è il senso centrale dell’economia circolare”.

Il viaggio del TrenoVerde è iniziato mercoledì 22 febbraio da Roma. Dopo le tappe, tra le altre di catania e Bari, il convoglio sarà dal 9 all’11 marzo a Salerno, per poi proseguire risalendi l’Italia e si concluderà il prossimo 31 marzo a Milano.

Nicola Mansi