Castellammare, enorme incendio difficile da domare. Indagini sull’esplosione in periferia

629

castellammareDecine di unità di vigili del fuoco, polizia municipale, carabinieri e polizia stanno lavorando per mettere in sicurezza l’area di via Pozzillo, a Castellammare di Stabia, dove questa mattina c’è stato un incendio immenso che ha letteralmente distrutto una fabbrica di capi d’abbigliamento con le fiamme che hanno invaso anche alcune abitazioni vicine.

Per tutta la mattinata e per tutto il primo pomeriggio sono arrivati nella periferia nord di Castellammare alcuni camion dei vigili del fuoco che fra mille difficoltà (il vento non aiuta le operazioni di spegnimento) hanno evacuato l’area e stanno tentando di domare le fiamme che sono ancora molto alte.

La grande nube nera di fumo che ha invaso la città di Castellammare questa mattina, lentamente, si sta riducendo ma ci vorranno ancora varie ore per poter mettere la parola fine a questo sabato negativo. I proprietari del deposito, presenti sul luogo, non sono ancora a conoscenza delle cause dell’incendio anche perchè i vigili del fuoco, se non riescono a spegnere l’incendio, non possono fare una prima conta dei danni ma soprattutto non possono avviare una indagine interna. (Il testo continua dopo il video)

Nessun ferito: è questa la notizia forse positiva della giornata. Il 118 non è stato allertato anche perchè fin dal momento dell’inizio dell’incendio, i residenti sono riusciti a mettersi in salvo e a non respirare il fumo tossico che si divampava nel cielo stabiese. Aria irrespirabile nelle zone limitrofe via Pozzillo tanto che i pompieri hanno subito avvisato le autorità di avvisare la cittadinanza di non esporsi troppo alla nube di fumo.

Il sindaco Pannullo, infatti, attraverso i social ha voluto così aiutare la popolazione di Castellammare: “A causa dell’incendio che sta interessando il capannone nella seconda traversa Pozzillo, si invita la cittadinanza a chiudere tutte le finestre e le aperture degli edifici sull’esterno e di spegnere gli impianti di condizionamento/ricambio d’aria, almeno fino a quando non saranno completamente domate le fiamme”.