Gragnano, il sindaco Paolo Cimmino: al via la pulizia dell’ex stazione ferroviaria

Gragnano stazione ferroviaria puliziaGragnano: al via la pulizia nell’area dell’antica ferrovia che fino a qualche ora fa versava in uno stato di incredibile degrado.

La pulizia è partita a poche ore dalla nostra segnalazione in merito a rovi e rifiuti che invadevano l’area, coprendo la vecchia cartellonistica ferroviaria mentre i giardini pensili erano soffocati dalle piante infestanti. Addirittura uno degli edifici era stato persino trasformato in una specie di “stanza del buco” usato dai tossicodipendenti.

Ad annunciare l’avvio dell’operazione lo stesso sindaco di Gragnano con un post pubblicato sul social network Facebook. “È in corso, dalle prime ore di questa mattina, la pulizia dello scalo ferroviario”, ha detto Cimmino, aggiungendo alla frase gli hashtag “Manteniamolo Pulito” e “Gragnano è di tutti noi”.

Non possiamo che ringraziare l’amministrazione comunale per la sensibilità dimostrata in quanto il dossier che abbiamo presentato aveva suscitato numerose polemiche tra i cittadini. Per questo continueremo a monitorare questa ed altre situazioni che meritano di essere raccontate.

Inaugurata nel lontano 4 maggio del 1885, per molti anni fu utilizzata per il trasporto di persone e merci, diventando il mezzo di locomozione principale per il commercio della pasta e dell’indotto pastaio. Nel 2010, durante l’amministrazione guidata da Annarita Patriarca, fu decisa la chiusura definitiva della stazione.

La tratta ferroviaria Gragnano-Castellammare fu definitivamente chiusa e i cittadini del comprensorio gragnanese e degli altri comuni del versante nord dei Monti Lattari, persero un prezioso mezzo per raggiungere Napoli.

L’anno scorso fu annunciato un complesso progetto di recupero e ristrutturazione, con la creazione di un centro di promozione enogastronomica gestito anche dai pastifici. Ad oggi l’annuncio è rimasto disatteso.

Gragnano stazione ferroviaria pulizia 1

 

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteIncendio capannone a Castellammare, via all’inchiesta: ascoltato il proprietario Mario Vuolo
SuccessivoDa Castellammare ad Amsterdam: i Van Gogh sottratti alla camorra sono a casa
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.