Striano, rottamazione cartelle esattoriali: arriva il regolamento

445

striano d'andreaA Striano giungerà a breve in consiglio comunale il regolamento per la rottamazione delle cartelle esattoriali. Un’opportunità per i contribuenti strianesi che hanno ricevuto ingiunzioni di pagamento dal 2000 al 2016 e che potranno regolarizzare la propria posizione tributaria o extratributaria mediante pagamento, anche rateale, senza il carico delle sanzioni o interessi.

Per aderire alla definizione agevolata sarà necessario consultare il regolamento sottoposto al vaglio del consiglio comunale e presentare apposita istanza di adesione alla definizione agevolata utilizzando esclusivamente il modello approvato dall’Ente.

Un provvedimento che Striano metterà in moto soltanto dopo i termini previsti. Il regolamento citato andava approvato, secondo la legge, entro il 1 febbraio 2017. Il civico consesso del Comune alla destra del fiume Sarno deve ancora essere convocato per il nuovo anno e quindi non ha ancora espresso il suo consenso circa il regolamento. Fortunatamente con il decreto di legge del 2 febbraio è stata disposta una proroga entro il 31 marzo 2017, termine fissato anche per l’approvazione del Bilancio annuale di previsione per l’esercizio 2017.

Il consigliere Francesco D’Andrea, informatosi circa la nuova legge, aveva già a gennaio chiesto parere verbale agli uffici competenti ottenendo diniego circa l’approvazione degli atti da parte dell’assise strianese. Non contento, il consigliere d’opposizione aveva chiesto, senza ottenere risposta, formale parere al Revisore dei conti del comune, con nota del 20 febbraio scorso.

Fortunatamente, mercoledì 8 marzo gli uffici finanziari del comune hanno trasmesso ai capigruppo consiliari la bozza del regolamento da approvare, il quale sarà sottoposto al vaglio del consiglio dopo il 16 marzo prossimo.

“Finalmente anche Striano potrà godere dei benefici della legge. – dichiara D’Andrea – Ringraziamo chi ha prorogato i termini di approvazione altrimenti Striano non avrebbe potuto beneficiare di queste nuove iniziative finanziarie”.

Raffaele Massa

Share