Pasquale Galasso, l’ex boss e i suoi “troppi” segreti. Dove sono oggi i “talenti” dell’epoca?

4983

pasquale galasso arresto tv7Pasquale Galasso, l’ex boss oggi rispettabile imprenditore nel settore alimentare (si parlerebbe di supermercati tra le tante attività gestite da Galasso), è indicato ancora oggi come il principale accusatore di Antonio Gava, leader indiscusso della Democrazia Cristiana e soprannominato “il vice re” per la rilevanza dei ruoli istituzionali ricoperti (eletto presidente della Provincia di Napoli nel 1960, onorevole nel ’72 , nell’80 Ministro per i Rapporti con il Parlamento, 3 volte Ministro delle Poste e Telecomunicazioni, Ministro delle Finanze e 2 volte Ministro dell’Interno).

Nel 1993 il boss di Poggiomarino Galasso dichiarò al presidente della Commissione Antimafia Luciano Violante: “In quel periodo insieme a Carmine Alfieri temevamo che i carabinieri potessero fare irruzione in una della nostre riunioni scatenando un marasma. Nuvoletta ci disse invece di stare tranquilli e che non avremmo avuto alcun problema con le forze dell’ordine e in particolar modo con l’Arma.

In più occasioni sia io che Alfieri abbiamo visto, scendendo da Vallesana dove è situata la masseria dei Nuvoletta, qualche auto dei carabinieri appena fuori dell’abitazione dello stesso Nuvoletta. Per noi quella era la dimostrazione che Nuvoletta era ben protetto. Ricordo che Nuvoletta era in stretto rapporto con un politico nazionale di grosso livello”.

Senza esitazione Galasso esortato da Violante a rivelare l’identità del grosso politico rispose: “Il personaggio di cui parlo è Gava. Se ne parlava spesso durante i summit. C’era poi un altro particolare eloquente che testimonia il livello di protezione offerto dal politico a Nuvoletta: a differenza di altre abitazioni di soggetti malavitosi di calibro anche minore, continuamente sottoposte a perquisizione da parte delle forze dell’ordine, quella di Nuvoletta veniva sistematicamente ‘ignorata’ consentendoci in più occasioni di cenare tranquilli all’interno della stessa in compagnia di altri boss”.

Parole di fuoco, accuse pesanti come macigni che ancora oggi caratterizzano lo spessore criminale del pentito Pasquale Galasso. Un impero economico il suo costruito su attività illecite e rapporti stretti con personalità del mondo politico istituzionale. L’avvocato Gabriele Gava, nipote del noto politico, chiese a vario titolo un risarcimento allo Stato di 38 milioni di euro: nello specifico 10 milioni per danni all’immagine dell’assistito, 3 milioni e 300mila euro perché lo stesso non aveva potuto svolgere l’attività forense per le vicende giudiziarie che lo avevano ingiustamente coinvolto, 10 milioni per danno morale e infine 15 per danni all’immagine.

Oggi ci chiediamo quanto ancora sappia e su quanto taccia per convenienza Pasquale Galasso e soprattutto che fine abbiano fatto i galoppini, i sostenitori e i giovani talenti dell’epoca di Gava. Ombre grosse sulle credibilità delle istituzioni e sui rapporti tra Stato e pentiti del calibro di Galasso. Un velo che potrebbe essere improvvisamente squarciato da nuovi interessi del boss di Poggiomarino che potrebbe decidere di vuotare il sacco una volta per tutte con i giudici. Servizi segreti, poteri paralleli, logge inattaccabili: realtà forse ben note all’ex leader della Nuova Famiglia.

Alfonso Maria Liguori

Share
Condividi
PrecedenteTorre del Greco, lavori di miglioramento alla rete fognaria in via Litoranea
SuccessivoLa camorra voleva uccidere un carabiniere per fermare le indagini: smantellato il clan Puca
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.