Pietro Amitrano candidato sindaco di Pompei si presenta alla stampa e alla Città

808

Pietro Amitrano Pompei«Sono stato fortunato due volte. Prima nel superare un terribile male, ed oggi nell’essere stato scelto a guidare una coalizione di centrosinistra per le amministrative dell’11 giugno». Queste le parole di Pietro Amitrano nel presentarsi ai cittadini pompeiani accorsi, questa mattina, alla presentazione di candidato e coalizione. Una coalizione composta da Partito Democratico e 9 movimenti politici locali: Amici insieme per Pompei, Democratici Riformisti, Impegno Democratico, Insieme per la Città, Patto per Pompei, Pompei Oltre, Progetto Città, Rinascita Pompei 2017, Centroliberaldemocratico.

A presentare il candidato alla poltrona tricolore di Palazzo De Fusco, il fratello Sergio che ha confermato che Pietro Amitrano, insieme alla coalizione, sta lavorando da 4-5 mesi per capire le problematiche, seguendo un filone importante e relativo principalmente alle finanza, con un occhio ai fallimenti dell’amministrazione Uliano, analizzando cosa è successo ad agosto dello scorso anno e confrontandosi con chi, come Franco Gallo, ha battagliato sempre contro l’incapacità amministrativa del sindaco sfiduciato.

“Pompei – ha aggiunto Sergio Amitrano – ha visto le proprie potenzialità e capacità completamente mortificate a fronte di ben 3 milioni di turisti e di grandi progetti come l’hub ferroviario contrastato da Uliano. Pompei deve risorgere vicino alle esigenze dei cittadini. Una Pompei unica, periferia e centro. Una città che dovrà saper utilizzare al meglio la sua vocazione turistica, con il centro cittadino che dovrà essere in grado di poter accogliere i tantissimi visitatori superando principalmente le inaccettabili carenze strutturali.

Pietro ha fatto parte dell’amministrazione Uliano come assessore al Bilancio. Questa esperienza, alla luce della sua formazione professionale e della grande sensibilità ed amore per la sua città, gli è servita per capire dove fosse il marcio.

La vita poi gli ha riservato la sfida più brutta nella quale ha dovuto affrontare un cancro, una malattia che ha superato grazie a tante motivazioni tra cui anche quella di tornare a fare politica. E proprio al centro nazionale per tumori è nato lo slogan ‘Io non temo le sfide’, frase che accompagnerà questo suo nuovo impegno politico”.

Pietro Amitrano Pompei Sintetico e concreto l’intervento del candidato del centrosinistra: “Nell’ultimo anno ho ritenuto di essere una persona fortunata, per la malattia che ho superato. Mercoledì è stata ufficializzata la mia candidatura a sindaco di Pompei. Tutte quelle persone con le quali mi ero sino ad allora confrontato e lavorato per creare questa nuova avventura politica mi hanno indicato per guidare la coalizione. Ero a Roma e alla notizia sono stato felicissimo. Abbiamo la possibilità di portare Pompei al livello che merita; per me è un sogno, dovremo portare tutta l’azione politica, la città e la progettualità ad un livello culturale molto più ampio.

Ringrazio tutta la coalizione e tutti coloro che stanno portando all’attenzione dei cittadini le nostre capacità e potenzialità.

Ci credo, possiamo dimostrare che la coalizione è forte e non solo per le tante liste, per i tanti uomini e donne che si stanno mettendo in gioco, ma perché siamo forti dentro”.

Pietro Amitrano ha poi annunciatato che ci saranno incontri con la regione Campania e con il presidente De Luca: “Pompei è agganciata al peso politico della regione”.

“Sono qui e sono contento”. Ha esordito così Franco Gallo, candidato sindaco tre anni fa ed oggi al fianco di Amitrano. “Ero tra i nomi possibili, ma non cambia molto.  La metodologia che dobbiamo affermare e che per primi abbiamo adottato è che non ci sono, non devono esserci ambizioni personali, vanno messe da parte.

Dobbiamo vincere al primo turno –ha aggiunto Gallo – dobbiamo creare un consiglio all’altezza della situazione, la competenza oggi sarà l’elemento distintivo.

Siamo stati coerenti, Pietro si è agganciato alla nostra coalizione in un momento particolare della vita amministrativa dimettendosi, sbattendo la porta con un manifesto pubblico, è ha creato una continuità col nostro progetto, ha capito e ci ha aiutato: non temiamo le sfide”.

“La politica è quella che si fa per i cittadini. La passione è grande”. Ha così concluso Pietro Amitrano.

Ivan Di Napoli