La storia dell’uomo e del suo ingegno in mostra a Poggiomarino

Hanno preso forma e corpo, gli archi e le frecce che i cacciatori della preistoria utilizzavano per procacciarsi il cibo, le tombe a fossa

0
730

poggiomarino mostraPropone uno spaccato culturale e antropologico di alto spessore la mostra didattica che stamattina ha aperto i battenti nei locali della “Scuola Primaria” di via Roma a Poggiomarino.

Sostenuta dalla locale amministrazione e dalla Istituzione scolastica, l’esposizione è frutto dell’intuizione del presidente del Gruppo Archeologico Terramare 3000, Linda Solino.




A contribuire fattivamente alla realizzazione dei pezzi esposti sono stati gli associati di “Terramare” e i ragazzi dell’Istituto ospitante di Poggiomarino. E così hanno preso forma e corpo, gli archi e le frecce che i cacciatori della preistoria utilizzavano per procacciarsi il cibo, le tombe a fossa nelle quali erano seppellite le spoglie dei defunti, i profumi utilizzati dal mondo femminile, gli abiti vestiti da guerrieri, matrone e schiavi.

Insomma tutto quanto è stato essenziale per illustrare il percorso antropologico culturale

linda solino
Linda Solino

dell’essere umano dalla preistoria a oggi è stato perfettamente riprodotto. Altra caratteristica dei pezzi in mostra è che possono essere toccati (anzi, come afferma Solino “devono essere toccati) senza alcun problema perché sono delle copie degli originali, ancorché perfetti.

La mostra, difatti, è stata pensata anche per gli ipovedenti e i non vedenti. Per questo motivo ha avuto il sostegno morale anche dell’”Unione italiana Ciechi e ipovedenti” della zona vesuviana – nolana, che era presente alla inaugurazione con il suo presidente Giuseppe Ambrosino. L’esposizione resterà visitabile sino al 27 maggio 2017. Chi volesse vederla potrà recarsi nei locali dell’istituto il lunedì, mercoledì e sabato, dalle 9 alle 13 e dalle sedici alle 20.

Maria Cirillo