telese de magistris torre annunziata“A Napoli è nato un nuovo potere forte: il popolo” – ad affermarlo è il sindaco della città metropolitana Luigi de Magistris intervenuto a Torre Annunziata a sostegno di Pierpaolo Telese.

Così è stata ufficializzata l’apertura della campagna elettorale del candidato sindaco di Torre Annunziata Bene Comune. L’incontro è avvenuto al Villaggio del Fanciullo di Rovigliano, “un luogo simbolo, abbandonato, dimenticato dall’amministrazione”.

La proposta politica di rottura con il sistema è alla base del supporto di DemA. “A Napoli telese de magistrisla rivoluzione, checché se ne dica, è stata fatta. Contro ogni previsione – spiega il sindaco – nel 2011 abbiamo vinto le elezioni; abbiamo governato senza cedere a nessuna forma di compromesso morale e con tutti contro: il sistema politico tradizionale, le campagne mediatiche, camorra di colletti bianchi. Le sofferenze sono ancora molte, ma la gente ha rialzato la testa”.

Rivoluzione, innovazione, radicalizzazione, rottura del sistema e affidabilità di governo sono le parole chiave per attuare il cambiamento sociale. “Se verrà eletto Pierpaolo il rapporto con la città metropolitana sarà ancor più saldo perché non avremo chi, come Renzi e De Luca, ci chiederà di abbassare il livello dell’autonomia politica, senza la quale – conclude Giggino – avrebbero già preso Bagnoli”.

Assunzione di responsabilità e il recupero della dignità: i concetti che l’esperienza napoletana insegna. Tanti giovani e donne, i più colpiti dalla crisi, nelle liste a supporto dell’avvocato, “non come riempilista, ma come nuova classe dirigente”.

telese
Non mancano parole forti e attacchi agli avversari: “due facce della stessa medaglia. Alfieri e Ascione sono espressioni diverse della medesima idea di politica e di potere in questa città. Per sette anni e mezzo il Pd e il candidato moderato hanno governato insieme. Ancora oggi non hanno spiegato il ribaltone per cui Alfieri è uscito dalla maggioranza. Non solo. L’attuale aspirante sindaco dem sosteneva Alfieri contro quell’operazione”.

“Le inaugurazioni della bretella e di Villa Parnaso sono state atti di facciata a ridosso di un voto decisivo per il salvataggio della casta, che non cambiano il modo in cui la città è stata governata. Noi – conclude Telese – non ci faremo prendere in giro”.

A sostegno del candidato di centrosinistra Vincenzo Ascione, invece, domenica 14 maggio i Giovani Democratici di Torre Annunziata hanno partecipato al terzo incontro di scuola politica insieme all’aspirante a primo cittadino. Nelle stesse ore Ciro Alfieri ha incontrato i candidati al consiglio comunale della lista “Cittadini”.

Roberta Miele

Share