Rimpasto in giunta a Napoli, il primo a lasciare è l’assessore Salvatore Palma

Il sindaco Luigi de Magistris: "Siamo anche in una fase di crescita dell'azione amministrativa e politica del nostro progetto"

647

Salvatore Palma napoliCon il rimpasto in giunta a Napoli annunciato da mesi, ormai sembra alle porte la decisione definitiva del sindaco Luigi de Magistris sui posti da cambiare in sella al governo cittadino a Napoli.

Nell’ultimo consiglio comunale si è consumato il pubblico addio a Salvatore Palma, assessore al bilancio, uno dei tecnici artefici del ripianamento finanziario di alcune società partecipate del Comune: “E’ stato un lavoro duro – ha commentato il sindaco in consiglio comunale – oggi mi sento di fare un grande apprezzamento per la moralità, l’onestà e la trasparenza con le quali l’assessore Palma ha portato avanti questa importante sfida”.




L’ormai ex assessore ha salutato in aula il consiglio, ed anche il primo cittadino: “Lo ringrazio per avermi scelto, torno alla mia professione, resto a disposizione della causa di questa amministrazione. E ringrazio i miei colleghi di giunta e a tutta la macchina comunale e i miei collaboratori”.

Uno dei tecnici più equilibrati della giunta di Napoli

Palma, assessore al bilancio dal 2012, era uno dei tecnici più equilibrati politicamente della giunta: lascia per motivazioni personali, forse in virtù di un ruolo importante conferitogli alla Cassa Nazionale dei Commercialisti. Oltre a questo, molto probabilmente appare quasi palese che il sindaco voglia orientare più politicamente la giunta, finora caratterizzata da un alto profilo tecnico equilibrato politicamente.

“Non avevo una convincente ragione amministrativa di mutare la giunta, che sta facendo un buon lavoro – ha sottolineato de Magistris – ma siamo anche in una fase di crescita dell’azione amministrativa e politica del nostro progetto. Il sindaco deve mettere insieme azione amministrativa, forza della coalizione e voglia di tanti di dare una mano per consolidare il progetto politico”.

Periodo di importanti decisioni politiche, anche per alcune società partecipate. A breve, infatti, si chiuderà il bando per la ricerca dell’amministratore unico o del Cda dell’Anm e dell’amministratore unico della Napoli Holding. Presto, invece, sarà pubblicato il bando per la ricerca del presidente e del Consigliere delegato alla Mostra d’Oltremare, oltre che dell’amministratore Unico del Caan.

Mario De Angelis